Cosa dice la forma del tuo ombelico sulla tua salute?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Cosa dice la forma del tuo ombelico sulla tua salute? Per scoprirlo basta guardare le immagini e leggere il profilo corrispondente.

Nel Regno Unito emessa una moneta per celebrare il 50° del Pride

L’ombelico è una parte importante del corpo ma poco presa in considerazione e speso ingnorata, ma che andrebbe pulita con regolarità e osservata meglio.

L’ombelico è la cicatrice che rimane dopo la caduta del cordone ombelicale, il “segno” del nostro arrivo nel mondo. E a quanto pare la sua forma, diversa per ognuno di noi, può rivelare alcune cose sulla nostra salute.

Le forme più comuni sono l’ombelico sporgente, infossato, allungato, a forma di “T”, a forma di “U” o “C”, a forma di mandorla. Qual è la tua? Individuala guardando l’immagine e leggi il profilo corrispondente.

Ombelico sporgente

L’ombelico sporgente è in realtà una piccola ernia e può segnalare che siete predisposti a svilupparle. Niente paura però, non sono gravi.

Ombelico infossato e profondo

L’ombelico infossato può indicare una predisposizione al sovrappeso ma può apparire anche in persone molto magre con una pancia un po’ sporgente. In tal caso può indicare problemi digestivi e una tendenza alla pancia gonfia e alla stitichezza.

Ombelico allungato

L’ombelico allungato verticalmente indica che i muscoli dell’addome sono forti.

Ombelico a forma di “T”

L’ombelico a forma di “T” può indicare che la persona è soggetta a dolori muscolari.

Ombelico a forma di “U” o “C”

Questa tipologia di ombelico può indicare che la cicatrice del cordone ombelicale si è chiusa in modo anomalo, per esempio a causa di qualcosa accaduto durante la gravidanza o il parto. Se è questo il caso, potrebbe indicare la predisposizione a determinate malattie. In caso contrario non dà problemi.

Ombelico a forma di mandorla

Questo ombelico non è attaccato né sporgente, ma tendenzialmente piatto e con alcune linee interne. Indica che la persona può soffrire di dolori muscolari, emicranie e debolezza delle ossa.

FONTE: mashoflife

Ti potrebbe interessare anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018. Appassionata di viaggi, folklore, maschere tradizionali. Si occupa anche di tematiche ambientali, riciclo creativo e fai da te. Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo". Nel 2018 ha dato vita a Mirabilinto, labirinto di meraviglie illustrate.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook