Cannabis terapeutica: ecco quali patologie può curare in Piemonte

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In Piemonte ci si può curare in maniera legale con la cannabis. La giunta regionale ha, infatti, definito le linee guida per l’utilizzo dei medicinali cannabinoidi a scopo terapeutico in ambito ospedaliero o domiciliare e in strutture assimilabili.

In Piemonte ci si può curare in maniera legale con la cannabis. La giunta regionale ha, infatti, definito le linee guida per l’utilizzo dei medicinali cannabinoidi a scopo terapeutico in ambito ospedaliero o domiciliare e in strutture assimilabili.

Il farmaco potrà essere prescritto dal medico specialista o di medicina generale per le patologie indicate dal ministro della Salute e la fornitura sarà effettuata direttamente dalle farmacie ospedaliere.

Un segnale positivo che permette al Piemonte di aggiungersi alla lista delle regioni italiane che hanno già dato il via all’impiego della cannabis terapeutica, con particolare riferimento a Lombardia, Puglia, Veneto, Liguria, Emilia Romagna, Molise e Toscana.

Chi ha diritto a utilizzare la cannabis a uso terapeutico?

Ci sono delle regole precise da rispettare. Le patologie che un paziente deve avere per accedere a questa terapia riguardano il dolore da sclerosi multipla o legato a lesioni del midollo spinale resistente alle terapie convenzionali, dolore cronico il cui trattamento con antinfiammatori non steroidei o con farmaci cortisonici o oppioidi si sia rivelato inefficace.

E ancora, si potrà prescrivere il farmaco alla cannabis come effetto stimolante dell’appetito nella cachessia, anoressia, perdita dell’appetito in pazienti oncologici o affetti da Aids e nell’anoressia nervosa che non rispondono ai trattamenti standard.

Infine, è stata inserita la possibilità di usare questi medicinali come effetto ipotensivo nel glaucoma resistente alle terapie convenzionali, per la riduzione dei movimenti involontari del corpo e facciali nella sindrome di Gilles de la Tourette, come effetto anticinetosico e antiemetico nella nausea e vomito causati da chemioterapia, radioterapia, terapie per Hiv.

Il Piemonte ha previsto un fondo di 200mila euro per questo tipo di farmaci per la ricerca e per avviare sperimentazioni o progetti pilota con soggetti autorizzati per la produzione di preparati a base di canapa.

Dominella Trunfio

LEGGI anche:

LA LOMBARDIA DICE SÌ ALLA CANNABIS AD USO TERAPEUTICO, SARÀ LEGALE E RIMBORSABILE NEGLI OSPEDALI

MARIJUANA: 10 POTENZIALITA’ E BENEFICI RISCONTRATI DELLA CANNABIS AD USO TERAPEUTICO

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook