Candida auris: la crisi climatica potrebbe essere la causa della misteriosa diffusione del superbatterio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La Candida Auris si sta sempre più diffondendo e forse la causa va rintracciata nella crisi climatica in corso, lo svela una ricerca.

Avrete sicuramente sentito parlare del terribile fungo Candida Auris, scoperto nel 2009, capace di uccidere in soli 90 giorni una persona, resistente ai farmaci e sempre più diffuso sul Pianeta, forse a causa della crisi climatica in corso.

Il fungo killer si adatta infatti al riscaldamento globale e resiste senza problemi alle temperature del nostro corpo. A dirlo uno studio pubblicato sulla rivista mBio, secondo il quale non sarebbero l’abuso di antibiotici e antifungini a provocarne lo sviluppo, come ipotizzato negli ultimi anni, ma i cambiamenti climatici.

I ricercatori sono giunti a questa conclusione confrontando le proprie analisi con i risultati di un altro studio intitolato “On the Origins of a Species: What Might Explain the Rise of Candida auris?“, secondo il quale i cambiamenti climatici avrebbero influenzato la diffusione della Candida Auris e persino la sua capacità di infettare i vari esseri viventi.

Considerato questo e dopo aver constatato che il fungo è comparso in tre diversi paesi molto distanti tra loro, India, Sud Africa e Sud America, lo hanno sottoposto ad alte temperature confrontandone le reazioni con quelle di altre specie micotiche simili geneticamente.

Il risultato? Si è adattato perfettamente alle alte temperature e di conseguenza, i ricercatori hanno capito che può resistere alle temperature del corpo umano, cosa che altri funghi non riescono a fare. Secondo gli esperti che hanno condotto la ricerca, Arturo Casadevall, Dimitrios P. Kontoyiannis e Vincent Robert, il riscaldamento globale causato dall’uomo innalzerà man mano le temperature di diversi gradi, riducendo così l’entità del gradiente tra temperature ambientali e basali dei mammiferi, incluso ovviamente l’uomo.

Ciò significa che con un clima più caldo, si selezioneranno lignaggi fungini più tolleranti ai cambiamenti di temperatura, in grado di resistere alla restrizione termica dei mammiferi. Un problema non da poco vista la pericolosità del Candida Auris, che come dicevamo è potenzialmente letale.

Ti potrebbe interessare anche:

Candida Auris: il fungo killer che resiste ai farmaci

Laura De Rosa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018. Appassionata di viaggi, folklore, maschere tradizionali. Si occupa anche di tematiche ambientali, riciclo creativo e fai da te. Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo". Nel 2018 ha dato vita a Mirabilinto, labirinto di meraviglie illustrate.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook