Cancro: i primi e più comuni sintomi osservati nel 23% di tutti i pazienti prima della diagnosi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Secondo una nuova ricerca vi sarebbero alcuni sintomi molto frequenti che possono aiutare e accelerare nella diagnosi di cancro

Non conservare così l'avocado: è pericoloso

Secondo una nuova ricerca vi sarebbero alcuni sintomi molto frequenti che possono aiutare e accelerare nella diagnosi di cancro

Il cancro purtroppo rimane una delle principali cause di morte in tutto il mondo. La prevenzione può aiutare nella cura e nella buona riuscita dei trattamenti; quindi, il consiglio è di sottoporsi periodicamente a controlli di routine. Ma non è tutto, poiché vi sono alcuni sintomi iniziali che possono aiutare nella diagnosi. La diagnosi precoce è, infatti, la chiave per riuscire a combattere la malattia.

Uno studio pubblicato sul Journal of Public Health ha cercato di fare luce su alcuni sintomi chiave, in particolare quelli riguardanti l’apparato digestivo. I ricercatori hanno notato che comprendere la frequenza e la natura della presentazione dei sintomi addominali tra i malati di cancro, potrebbe facilitare e accelerare la diagnosi.  (Leggi anche: 14 segni e sintomi rivelatori del cancro: ecco a cosa prestare attenzione, secondo l’AIRC)

Nello specifico, hanno esaminato otto sintomi addominali come:

  • dolore addominale
  • cambiamento nell’abitudine intestinale
  • gonfiore/distensione
  • dispepsia
  • sanguinamento rettale
  • disfagia
  • reflusso
  • nausea/vomito

Questi segnali sono stati individuati in 15.956 pazienti successivamente con diagnosi di cancro. Alla fine dello studio, i ricercatori hanno osservato che quasi un quarto (circa il 23%) dei malati di cancro presentava problemi a livello addominale prima della diagnosi definitiva. I sintomi addominali sono comuni tra i malati di cancro; quindi, vi è la necessità di campagne di sensibilizzazione che potrebbero aiutare la ricerca.

Altri sintomi possono essere:

  • sangue nelle feci
  • diarrea o stitichezza senza un motivo evidente
  • sensazione di non aver svuotato completamente l’intestino dopo essere andato in bagno
  • dolore allo stomaco o all’ano

Non è sempre chiaro cosa causi il cancro, ma esistono fattori di rischio comprovati. In effetti, si stima che quattro casi di cancro su 10 potrebbero essere prevenuti. Oltre alla predisposizione genetica e alla storia familiare di ognuno di noi, vi sono fattori che possono incidere come il sovrappeso e l’obesità. Ad esempio, l’obesità significa essere molto sovrappeso con un indice di massa corporea (BMI) di 30 o superiore. Il rischio di cancro all’intestino è maggiore nelle persone obese rispetto a quelle che hanno un BMI sano. Quindi, è importante cercare di mantenere un peso nella norma, facendo attività fisica e seguendo una dieta equilibrata.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Journal of Public Health

Sul cancro ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook