Cancro al seno: questi ricercatori italiani hanno scoperto la cura che scongiura il rischio di recidiva

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I risultati dello studio Hoboe condotto dai ricercatori dell’Istituto tumori Pascale di Napoli hanno mostrato l’efficacia di un mix di due farmaci nel ridurre significativamente il rischio di recidiva nelle donne operate da carcinoma mammario

Nuovo grande e importante passo in avanti per la ricerca sul cancro al seno, che apre una speranza per le donne in pre-menopausa.

La ricerca, durata ben 8 anni e condotta dai ricercatori dell’Istituto dei tumori Pascale di Napoli, è riuscita a dimostrare l’efficacia del Letrozolo, un farmaco usato nel trattamento dei tumori al seno in fase precoce, che agisce diminuendo la quantità di estrogeni prodotti dall’organismo.

Leggi anche: Cancro al seno: la vitamina D ridurrebbe il rischio del 21%, la nuova conferma

Lo studio

Hoboe è il nome della ricerca coordinata dalla Struttura Complessa di Sperimentazioni Cliniche del Pascale, diretta da Franco Perrone, che ha visto la partecipazione di 1.065 pazienti, quasi tutte al di sotto dei 50 anni, seguite presso 16 centri italiani.

I risultati sono stati presentati al congresso Aiom di Roma e hanno confermato l’efficacia della terapia con un mix di due farmaci, il Letrozolo e l’acido zoledronico.

I dati hanno dimostrato una diminuzione del rischio di recidiva nelle giovani donne, operate di carcinoma mammario.

Un grande passo avanti per la ricerca che apre nuove prospettive di trattamento e che può portare ad abbandonare il Tamoxifen, il farmaco utilizzato per decenni per ridurre il rischio di recidiva, che si è dimostrato meno efficace rispetto alla nuova combinazione.

Adriano Gravina, responsabile della Struttura semplice Sperimentazioni Cliniche di fase 1 ha dichiarato:

Il trattamento adiuvante con l’Acido Zoledronico più la terapia ormonale con Letrozolo e il solo uso di Letrozolo aumentano significativamente la sopravvivenza libera da malattia rispetto al Tamoxifene, finora usato, in donne che al momento della diagnosi hanno ancora una normale attività mestruale.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Sul cancro al seno ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook