Gli effetti collaterali della crisi climatica sul nostro sonno: ecco perché ci faranno dormire sempre meno (soprattutto se siamo donne)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le temperature sempre più elevate ci porteranno a dormire poco e male, con conseguenze importanti sulla qualità della vita e della salute fisica e mentale

Entro il 2099 potremmo dormire tra le 50 e le 58 ore in meno all’anno a causa del riscaldamento globale e dell’aumento delle temperature.

È ciò che emerge da uno studio che ha analizzato il riposo di un gruppo di persone studiandone le variazioni in relazione alle temperature. Il team di ricercatori ha raccolto i dati sul sonno di oltre 47mila persone adulte provenienti da 68 Paesi diversi. I dati sono stati raccolti raccolti grazie a braccialetti elettronici che hanno reso possibile il monitoraggio a distanza.

Dai risultati è emerso che durante le notti in cui il termometro supera i 30°C, il riposo si riduce mediamente di 14 minuti e che le ore dedicate al sonno diminuiscono all’aumentare delle temperature.

Il caldo porta infatti ad addormentarsi con maggiori difficoltà, provoca risvegli notturni e anticipa il risveglio al mattino. Questo perché il nostro corpo emette calore durante la notte, dilatando i nostri vasi sanguigni e aumentando il flusso sanguigno alle mani e ai piedi. Ci adattiamo quindi meglio in ambienti più freschi, soprattutto nelle ore notturne.

Leggi anche: La crisi climatica sta stravolgendo le nostre vite e ce ne stiamo accorgendo soltanto adesso

Secondo i ricercatori, la riduzione del sonno colpisce di più le persone che vivono in Paesi a basso reddito e gli anziani e il problema è più diffuso tra le donne. Gli effetti collaterali dei cambiamenti climatici si riflettono dunque anche sul riposo e questo potrebbe rappresentare un problema non di poco conto.

Un riposo insufficiente o inadeguato rappresenta infatti un fattore di rischio per numerose malattie. Dormire poco o male è infatti associato a una riduzione delle capacità cognitive, indebolimento delle difese immunitarie, rischio di malattie cardiovascolari, ansia, depressione.

In un prossimo futuro potremmo dunque registrare un aumento dei disturbi dell’umore e di malattie croniche come conseguenza al riscaldamento globale e all’effetto negativo dell’aumento delle temperature sulla qualità del sonno.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte di riferimento: Science Direct

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook