Eseguito a Bologna il primo trapianto al mondo di vertebre umane

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

A Bologna, presso l'Istituto ortopedico Rizzoli, è stato eseguito il primo trapianto al mondo di vertebre umane su un paziente di 77 anni.

È la prima volta in tutto il mondo che viene eseguito un trapianto di vertebre umane su un paziente con tumore osseo e il primato va all’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna.

Le quattro vertebre utilizzate per sostituire la parte di colonna rimossa erano conservate nella Banca del Tessuto Muscolo-scheletrico dell’Emilia-Romagna.

L’intervento eseguito su un paziente di 77 anni con una grave forma di tumore osseo è stato guidato dal direttore della Chirurgia Vertebrale a indirizzo oncologico e degenerativo, Alessandro Gasbarrini, che insieme alla sua équipe, ha permesso di raggiungere un risultato storico, come ha sottolineato il presidente Stefano Bonaccini:

“Un risultato storico. Orgogliosi di avere in Emilia-Romagna strutture e professionisti capaci di realizzare interventi come questo, per un sistema sanitario pubblico che vogliamo sempre di più in grado di offrire servizi e cure di alta qualità”.

Dopo che il tessuto muscolo-scheletrico è stato prelevato dall’équipe del Rizzoli, si è eseguito il prelievo delle vertebre da donatore cadavere, le quali sono state trattate dai tecnici della Banca e testate per garantirne l’idoneità, quindi utilizzate nell’intervento.

La colonna vertebrale del paziente è così ritornata alla conformazione naturale grazie all’impianto di un osso identico a quello rimosso, come ha spiegato il dottor Gasbarrini:

“Abbiamo ricostruito la colonna vertebrale del paziente nel modo più simile alla conformazione naturale, ripristinando un’anatomia perfetta grazie all’impianto di un osso con struttura identica a quello che abbiamo dovuto togliere a causa del tumore. Per ogni paziente dobbiamo individuare la soluzione migliore, in considerazione del percorso di cura e delle esigenze individuali. Sostituire tessuto umano con tessuto umano è in linea generale quanto c’è di meglio per l’organismo, e questo vale anche per le ossa. Non sempre è la soluzione possibile, e quindi è necessario ricorrere ad impianti di materiali artificiali.”

Un’operazione di tale portata apre nuove prospettive nel campo della chirurgia ortopedica ricostruttiva in oncologia e stando all’assessore Venturi non è un caso che il primato vada all’Emilia Romagna, regione che investe moltissimo in “tecnologia, ricerca, innovazione, risorse umane”.

Ti potrebbe interessare anche:

Il primo trapianto in Italia di fegato e polmoni insieme in età pediatrica

Laura De Rosa

Photo Credit: Facebook

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018. Appassionata di viaggi, folklore, maschere tradizionali. Si occupa anche di tematiche ambientali, riciclo creativo e fai da te. Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo". Nel 2018 ha dato vita a Mirabilinto, labirinto di meraviglie illustrate.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook