Le bevande detox che purificano il fegato funzionano davvero? Cosa dice la scienza

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le bevande detox del fegato contengono radici ed erbe dai mille benefici. Ma funzionano davvero? Ecco cosa ci dice la ricerca scientifica.

Quanta frutta e verdura dobbiamo mangiare ogni giorno?

Le bevande detox del fegato contengono radici ed erbe dai mille benefici. Ma funzionano davvero? Ecco cosa ci dice la ricerca scientifica.

Le bevande detox per la pulizia del fegato e la disintossicazione hanno suscitato molto interesse nella comunità scientifica.

Sono ritenuti validi rimedi naturali, in grado di aiutare a guarire il fegato, eliminare le tossine e aumentare l’energia, tuttavia, non è chiaro come queste bevande possano offrire questi benefici, perché a riguardo vi è poca ricerca. (Leggi anche: Detox: 10 acque aromatizzate per depurarsi)

Quali sono le bevande depurative per il fegato

Le bevande depurative e disintossicanti del fegato contengono una varietà di erbe, frutta e verdura. I loro ingredienti principali sono:

Queste bevande hanno molti benefici per la salute; ad esempio, si presume che rimuovano le tossine, le impurità, e supportano la salute del fegato, ma non tutte le bevande depurative e disintossicanti sono uguali.

Sul mercato sono presenti innumerevoli prodotti detox realizzati con svariati ingredienti, alcuni sono destinati al consumo quotidiano a tempo indeterminato, mentre altri sono pensati per essere utilizzati per un periodo che va da poche settimane a pochi mesi. (Leggi anche: 15 alimenti che aiutano a depurare il fegato)

Funzionano davvero?

Attualmente, nessuno studio scientifico dimostra che le bevande per la pulizia del fegato e la disintossicazione siano efficaci al 100%. In effetti, la maggior parte delle affermazioni fatte dai produttori sono semplicemente espedienti di marketing o, nella migliore delle ipotesi, basati su prove aneddotiche.

Sebbene si affermi che le bevande rimuovano le tossine, raramente viene chiarito quali tossine specifiche rimuovono o come queste vengano rimosse. Inoltre, nessuno studio ha dimostrato che le persone sane abbiano un accumulo di tossine nei loro corpi, né ci sono studi che confermano che le disintossicazioni a base di erbe possano apportare benefici all’organismo. Secondo una ricerca, nelle persone sane il fegato, il principale organo di disintossicazione del corpo, lavora per alterare le sostanze tossiche, rendendole innocue e garantendone la rimozione.

Tuttavia, è stato dimostrato che le persone con determinate condizioni mediche hanno una ridotta capacità di depurare l’organismo dalle sostanze tossiche a causa di fattori come età, sesso, salute, genetica, regime farmacologico e dieta. Ad esempio, poiché la maggior parte dei processi di disintossicazione del corpo avviene nelle cellule del fegato, le persone con malattie legate a questo organo potrebbero non essere in grado di svolgere i normali processi di depurazione, che possono portare all’accumulo di sostanze nocive.

Tuttavia, secondo una revisione il corpo non può rimuovere facilmente determinate sostanze chimiche, poiché possono accumularsi nel tessuto grasso o nel sangue; queste sostanze includono bisfenolo A (BPA), inquinanti organici persistenti (POP), metalli pesanti e ftalati.

Le sostanze chimiche tendono a essere concentrate negli alimenti ultra-elaborati, come quelli dei fast food. Tuttavia, non è consigliabile consumare bevande disintossicanti per rimuovere queste sostanze potenzialmente dannose; ciò che occorre fare, invece, è ridurre il consumo di junk food ed evitare l’esposizione alle suddette sostanze.

Sebbene alcune persone si sentano meglio dopo aver provato bevande disintossicanti o depurative, spesso ciò è causato perché smettono contemporaneamente di mangiare molti cibi ad alto contenuto di grassi e zuccheri. Pertanto, sono i cambiamenti nella dieta e non le bevande detox i principali responsabili di eventuali benefici.

Benefici per la salute

Sebbene le bevande per la pulizia del fegato e la disintossicazione possano non funzionare, hanno comunque diversi benefici per la salute poiché contengono radici ed erbe. 

Contengono ingredienti sani

Molte bevande per la pulizia del fegato contengono ingredienti che possono giovare alla salute generale del corpo, come il cardo mariano che si trova comunemente in questi prodotti. Gli studi hanno dimostrato che l’integrazione con cardo mariano può migliorare la salute del fegato nelle persone con malattie o danni a questo organo. 

E’ stato dimostrato che altri ingredienti comuni che si trovano nelle bevande detox sono la curcuma, lo zenzero e la cannella, che possono combattere lo stress ossidativo, ridurre i segni di infiammazione e ridurre il rischio di malattie croniche.

Inoltre, alcune di queste bevande depurative contengono ingredienti come radice di tarassaco e bardana, che possono avere benefici per la salute, come combattere lo stress ossidativo e ridurre l’infiammazione, anche se sono necessarie ulteriori ricerche. (Leggi anche: Detox: 10 modi per depurare l’organismo divertendosi)

Rischi 

Prima di assumere una bevanda detox, è bene conoscere tutti i potenziali rischi; di seguito i principali.

Ingredienti sconosciuti

È importante sapere che la maggior parte dei prodotti a base di erbe non sono sempre regolamentati. Pertanto, possono contenere ingredienti che non sono elencati sulla confezione o presenti in quantità molto più elevate di quelle elencate. Questo può portare a livelli troppo alti di alcuni nutrienti, che possono causare vari effetti collaterali potenzialmente pericolosi.

Interazioni farmacologiche

Molte erbe che si trovano nelle bevande depurative possono interagire con i farmaci. In particolare, tendono a diminuire o aumentare gli effetti dei farmaci che vengono eliminati dal fegato, ciò può causare seri problemi di salute, inclusi danni al fegato stesso. Ad esempio, il cardo mariano interagisce con farmaci, come il diazepam (Valium), il warfarin (Jantoven) e vari farmaci per il trattamento del diabete.

Quindi, se stai assumendo farmaci sotto prescrizione non dovresti consumare queste bevande senza prima aver consultato il tuo medico.

Altri effetti collaterali

Se stai usando una bevanda per la pulizia del fegato e allo stesso tempo stai seguendo un piano di dimagrimento, potresti avere effetti indesiderati. Inoltre, i piani di disintossicazione possono essere dannosi se si segue una dieta specifica per trattare o gestire condizioni come diabete, malattie cardiache o renali. In questi casi, è importante parlare prima con il proprio medico curante.

Ingredienti naturali per migliorare la salute del fegato

Per supportare la tua salute generale, inclusa quella del fegato, è importante seguire una dieta sana ed equilibrata ed evitare il consumo eccessivo di alcol. (Leggi anche: Acqua allo zenzero: benefici e come preprarare la bevanda che aiuta a dimagrire)

Ecco alcuni alimenti naturali che fanno bene al fegato:

  • Caffè: può aumentare i livelli di antiossidanti nel fegato e ridurre il rischio di malattie.
  • : il tè nero e verde possono migliorare i livelli di enzimi epatici tra le persone con malattie del fegato e combattere lo stress ossidativo.
  • Frutti di bosco: le bacche sono ricche di antiossidanti, che hanno dimostrato di proteggere il fegato dai danni.
  • Succo di barbabietola: questa bevanda contiene composti salutari, come nitrati e antiossidanti, che possono aiutare a proteggere il fegato dai danni ossidativi. Inoltre, la ricerca suggerisce che il succo di barbabietola può aumentare gli enzimi di disintossicazione naturali del fegato.
  • Noci: sono ricche di grassi sani e sostanze nutritive come la vitamina E. Gli studi dimostrano che l’integrazione con vitamina E può aiutare a ridurre il rischio di malattie del fegato.
  • Pesce grasso: gli studi dimostrano che l’integrazione con acidi grassi omega-3, che si trovano naturalmente nel pesce grasso, può ridurre il grasso del fegato e migliorare la funzione degli enzimi epatici.

Erbe e integratori per un fegato in salute 

Per contribuire alla salute del fegato è possibile ricorrere anche a erbe officinali e integratori naturali, reperibili in erboristeria oppure in farmacia. Ecco i principali:

  • Cardo mariano: questa pianta contiene composti come silybins, silychristin e silydianin, che possono aiutare la rigenerazione del fegato, ridurre l’infiammazione e migliorare la salute.
  • Ginseng: ha proprietà antinfiammatorie e può aiutare a proteggere dai danni al fegato nelle persone con steatosi epatica non alcolica.
  • Curcuma: ha potenti proprietà antinfiammatorie. Può ridurre l’infiammazione nel fegato e i segni correlati con malattie epatiche.
  • Zenzero: gli studi dimostrano che l’integrazione con lo zenzero può ridurre significativamente l’infiammazione del fegato nelle persone con steatosi epatica non alcolica, rispetto a un trattamento con placebo.
  • Radice di liquirizia: gli studi dimostrano che l’integrazione con radice di liquirizia può ridurre l’infiammazione nelle persone con steatosi epatica non alcolica.

Seguici su Telegram| Instagram  |Facebook |TikTok |Youtube

Ti potrebbe interessare:

 

 

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook