Bere un po’ di vino al giorno toglie l’ictus di torno? Lo studio condotto su 32 Paesi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una ricerca, che ha analizzato i dati di più di 20.000 persone, ha rivelato che un consumo moderato di vino può aiutare ad abbassare il rischio di avere un ictus nel corso della vita

Un ictus si verifica quando il flusso di sangue al cervello viene ridotto o interrotto, oppure quando un vaso sanguigno scoppia all’interno del cervello. In entrambi i casi, al cervello viene impedito di ricevere ossigeno e sostanze nutritive, e le cellule cerebrali iniziano a morire in pochi minuti.

Ci sono oltre 12,2 milioni di nuovi ictus in tutto il mondo ogni anno, secondo la World Stroke Organization, e una persona su quattro sopra i 25 anni avrà un ictus nel corso della sua vita.

Per gli amanti del vino, una ricerca pubblicata in ottobre su Neurology, ha scoperto che bere vino – ma non birra, liquori o altre bevande alcoliche –  in modo moderato è associato a un ridotto rischio di ictus.

Leggi anche: Cancro: una bottiglia di vino a settimana rischiosa come fumare 10 sigarette per questo studio

Lo studio

I ricercatori hanno scoperto che l’assunzione moderata di alcol era collegata a un rischio ridotto di ictus, in particolare nell’Europa occidentale e nel Nord America.

Nel complesso, i risultati dello studio si aggiungono alle prove esistenti secondo cui un consumo di vino da basso a moderato può migliorare la salute cardiovascolare. Lo studio evidenzia anche i diversi effetti sulla salute di vino, birra e liquori.

Utilizzando i dati dell’analisi INTERSTROKE, un ampio studio caso-controllo che ha esaminato molteplici fattori di rischio per l’ictus in 32 Paesi, gli autori hanno analizzato i modelli di consumo di alcol auto-riportati per quasi 26.000 individui, circa la metà dei quali aveva avuto un ictus.

Dopo aver classificato i partecipanti in base al tipo di alcol consumato (birra, vino, liquore o altro) e al consumo settimanale (basso, moderato o alto), i ricercatori hanno controllato altri fattori di rischio, come ipertensione, fumo, diabete, dieta e attività fisica. Quindi, hanno tracciato connessioni tra le abitudini nel bere e il rischio di avere un ictus.

Lo studio ha trovato un’associazione tra il consumo di vino e una ridotta incidenza di ictus.

Nello specifico, le persone che hanno bevuto grandi quantità di vino e in particolare quelle che hanno praticato il binge drinking, ossia hanno consumato più di cinque drink in un giorno almeno una volta al mese, non hanno riscontrato alcun beneficio per la salute.

L’autore principale dello studio Andrew Smyth, professore di epidemiologia clinica presso l’Università di Galway, ha dichiarato che:

Sebbene i ricercatori non abbiano determinato un numero ideale di bicchieri per ridurre il rischio di ictus, lo schema suggerisce che la categoria inferiore di assunzione di vino aveva il rischio più basso.

Quanto alle possibili ragioni della riduzione del rischio, potrebbe essere collegato al fatto che il vino contiene sostanze come i polifenoli, che non sono presenti nella stessa misura in altri tipi di bevande alcoliche.

Mentre i risultati sono potenzialmente incoraggianti per i bevitori di vino, i ricercatori mettono in guardia dal trarre conclusioni definitive. Infatti, sottolineano che qualunque sia la ragione degli apparenti benefici del vino, è bene bere con moderazione e, soprattutto, evitare il binge drinking.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube 

Fonte: Neurology

Ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook