Demenza: arriva il test di 5 minuti da fare in casa capace di prevedere il declino cognitivo a partire già dai 40 anni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Si chiama CognICA ed è in grado di determinare in modo semplice e veloce il livello di declino del nostro cervello

Si chiama CognICA ed è in grado di determinare in modo semplice e veloce il livello di declino del nostro cervello

Superata la soglia “spartiacque” dei quarant’anni, sembra che per il nostro corpo inizi la fase di declino: iniziano a sorgere i primi doloretti qua e là, l’attenzione nei confronti di ciò che stiamo leggendo cala, non si ha più l’energia necessaria a fare le ore piccole per due notti di fila. Ma ciò che preoccupa la maggior parte delle persone sono tutte quelle piccole dimenticanze – scordare dove si è parcheggiata la macchina, la scadenza di una bolletta o il compleanno di un parente, perdere le chiavi o il telefonino – che messe insieme possono generare ansia e preoccupazione: è solo un piccolo decadimento dovuto all’età che avanza o è un campanello d’allarme da non sottovalutare?

Per provare a dare una risposta a questi interrogativi, è stato inventato un test in grado di misurare il livello di decadimento cognitivo: si chiama CognICA Integrated Cognitive Assessment ed è stato sviluppato dalla società londinese Cognetivity Neurosciences. Il test è già stato approvato in Europa come dispositivo medico con marchio CE, e viene utilizzato nelle cure cliniche primarie e specialistiche del Regno Unito. Recentemente è arrivata anche l’approvazione della Food and Drug Administration (FDA), che ne ha autorizzato negli Stati Uniti l’utilizzo in alternativa ai tradizionali test carta e penna senza che vengano meno l’efficacia e l’affidabilità.

(Leggi anche: Conosci l’effetto Stroop? Se sbagli a leggere queste parole, è il segnale che il tuo cervello inizia a perdere colpi)

Il CognICA presenta anzi dei vantaggi ulteriori rispetto ai test tradizionali: innanzitutto, ha un’elevata sensibilità per rilevare il deterioramento cognitivo in fase iniziale (questo potrebbe consentire un intervento precoce con trattamenti o cambiamenti dello stile di vita che potrebbero aiutare a rallentare la progressione della demenza); in secondo luogo, il formato digitale permette la trasformazione istantanea del test in qualsiasi lingua, aiutando a evitare pregiudizi culturali o educativi; infine, si tratta di un test che può essere effettuato anche senza supervisione, risparmiando tempo e denaro per i sistemi sanitari.

La possibilità di effettuarlo anche da casa, senza la presenza di uno specialista ma con il solo ausilio del tablet, consente il monitoraggio continuo dei pazienti senza visite cliniche.

Ma come funziona questo test? Sullo schermo del tablet compaiono diverse immagini ad un ritmo molto veloce: il compito è distinguere quelle che rappresentano animali da quelle che non rappresentano animali. Più veloce sarà la risposta allo stimolo, più sano sarà il cervello: si pensi che un cervello sano può elaborare e riconoscere immagini di animali in meno di 200 millisecondi. La diagnosi precoce delle malattie neurodegenerative è uno degli obiettivi principali della ricerca: prima si riconoscono i segni della malattia, prima la si potrà trattare in modo adeguato, rallentandone gli effetti.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: CognICA

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook