Se sogni troppo “a occhi aperti”, potresti avere questo disturbo psichiatrico (da sempre confuso con l’ADHD)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Per alcuni è solo una piacevole oasi felice in cui rifugiarsi dalla realtà, per altri rappresenta una vera e propria prigione che impedisce una vita normale: il maladaptive daydreaming è un disturbo purtroppo ancora poco studiato

Ecco il carrello smart per la spesa

A tutti noi capita di sognare ad occhi aperti, di addentrarci nelle nostre fantasie fino a perdere il contatto con la realtà. Lo facciamo perché tendiamo ad essere distratti, perché ci stiamo annoiando nella situazione presente e cerchiamo una “uscita d’emergenza”, per visualizzare la vita dei nostri sogni o più semplicemente un nostro progetto per il futuro a breve termine.

Nulla di strano o insolito quindi. Ma cosa accade se nella nostra fantasia si sviluppa una vera e propria “vita parallela”, che ci ruba tempo e ci impedisce di vivere la realtà? Questo accade in presenza di un disturbo psicologico non ancora conosciuto, ma che grazie all’isolamento e al lockdown seguiti alla pandemia da Coronavirus ha conosciuto una vera e propria esplosione: è il maladaptive daydreaming (MD) – in italiano detto disturbo da fantasia compulsiva.

(Leggi anche: Più della metà dei sopravvissuti al COVID-19 soffre di disturbi psichiatrici: lo studio italiano)

Proprio a causa della sua crescente diffusione avvenuta negli ultimi due anni, i ricercatori si stanno maggiormente interessando a questo disturbo, alle sue caratteristiche e ai suoi sintomi specifici. In particolare, uno studio condotto recentemente ha dimostrato l’esistenza del MD come disturbo psichiatrico a sé stante e non più come sintomo del disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD).

Finora, infatti, il maladaptive daydreaming era raggruppato nel novero dei sintomi di altri disturbi psichiatrici, come ad esempio il deficit dell’attenzione. I ricercatori, raccogliendo i dati relativi alle persone a qui è stato diagnosticato il MD, hanno scoperto che al 77% di questi è stato diagnosticato anche l’ADHD. Ma solo perché queste condizioni coesistono, non significa che siano la stessa cosa.

L’ADHD è classificato come disturbo psichiatrico. Esso può portare a periodi di iper-focalizzazione su un qualcosa e di disattenzione dal resto della realtà, ma non è detto che l’oggetto dell’attenzione sia qualcosa di immaginario. Al contrario, il MD è piuttosto una dipendenza comportamentale, che porta la mente lontano dalla realtà verso stati di immaginazione vividi e complessi.

I ricercatori hanno osservato un piccolo gruppo di pazienti (83) affetti da ADHD: poco più del 20% di essi soddisfaceva anche i criteri per la diagnosi del maladaptive daydreaming – una percentuale di gran lunga inferiore rispetto a quella di pazienti con MD a cui viene diagnosticato anche l’ADHD. Questo incrocio di dati suggerisce che i due disturbi sono fra loro ben distinti e separati.

Se avessimo trovato tassi simmetricamente elevati di MD tra gli adulti con ADHD, sarebbe stato corretto affermare che il nuovo concetto di MD è superfluo, poiché è quasi equivalente alla diagnosi già esistente di ADHD – spiegano gli autori dello studio. – E invece, questa asimmetria evidenziata nello studio concorda con la nostra affermazione teorica secondo cui la MD è un fenomeno mentale indipendente, che spesso crea un deficit di attenzione come effetto collaterale.

Saranno necessari certamente ulteriori ricerche per supportare la teoria che il MD sia un disturbo psichiatrico a se stante, ma già i risultati di questo studio pilota dimostrano che esso ha caratteristiche che lo distinguono dal ben più noto ADHD.

Conoscere bene i due disturbi e comprenderne la sintomatologia che li caratterizza è molto importante per definire diagnosi diverse caso per caso, poiché i due problemi non possono essere trattati allo stesso modo. Ma non solo: senza una corretta comprensione del maladaptive daydreaming, viene falsata anche la percezione di quante siano effettivamente le persone affette da questo disturbo che può essere in molti casi invalidante.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Clinical Psychology

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook