Festeggiamo San Valentino prima di tutto amando noi stessi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Celebriamo al meglio il giorno di San Valentino con il più grande amore che dovrebbe esistere nella nostra vita: l’amor proprio!

Quanta frutta e verdura dobbiamo mangiare ogni giorno?

Ci dicono che l’amore sia qualcosa di magico, che dovremmo desiderare e ottenere, ma quasi mai ci dicono di amare noi stessi prima di amare gli altri. Non fraintendeteci, l’amore condiviso insieme a un’altra persona è meraviglioso, ma non sarà mai abbastanza se prima non abbiamo l’amor proprio.

Amarsi, prendersi del tempo per pensare a sé stessi e fare ciò che ci piace e ci rende felici è la chiave di tutto. Non limitiamo San Valentino festeggiando soltanto le coppie di innamorati, celebriamo l’amore in ogni sua forma, partendo da chi ama per prima cosa sé stesso. Perché l’amor proprio è il primo e più importante passo per una vita felice.

Ecco 5 consigli per aiutarvi a costruire, lavorare e aumentare l’amor proprio, e poter così festeggiare San Valentino indipendentemente dall’avere una persona accanto!

Migliorare quello che pensiamo di noi stessi

Quante volte ci siamo sentiti a disagio nel confrontarci con gli altri e con ciò che pensiamo si aspettino da noi? È il momento di smetterla. Il confronto è un attacco all’autostima. Meglio trovare un equilibrio tra ciò che siamo e ciò che vorremo diventare, riconoscendo le nostre qualità e definendo le nostre aree di apprendimento.

Né manipolazione né dipendenza

La manipolazione o la dipendenza sono delle forme dannose di relazionarsi con gli altri. Dobbiamo sentirci bene e a nostro agio con noi stessi indipendentemente da ciò che gli altri pensano, dicono e fanno. Quando maturiamo emotivamente, siamo consapevoli dei nostri sentimenti e non abbiamo bisogno di cambiare gli altri o influenzare il loro comportamento per raggiungere il nostro benessere.

Perdonarci

A volte siamo molto duri con noi stessi e tendiamo a giudicarci pesantemente, ma siamo umani, e commettiamo errori. Piuttosto che pensare agli sbagli, concentriamoci sulle soluzioni. Le persone che riescono a costruire l’amore verso sé stessi riconoscono i propri errori, cercano di risolverli e, cosa ancora più importante, imparano.

Combattere la paura con la fiducia

La paura di sbagliare, di non essere all’altezza, di quello che ci diranno gli altri, di non avere il controllo o di avere paura di perderlo: queste sono solo alcune delle paure che proviamo. Cerchiamo di sconfiggere la paura con la fiducia. Individuiamo cosa ci spaventa e fidiamoci delle nostre risorse interne, per affrontare al meglio le diverse situazioni ricordandoci che, se abbiamo superato altre crisi, riusciremo a superare anche questa.

Possiamo dire no

Per paura, insicurezza, dipendenza affettiva, passività o mancanza di autostima spesso finiamo per dire a tutto “sì”, dimenticandoci di noi stessi. Possiamo dire “no” quando vogliamo e grazie a quel no troveremo più tempo per amarci o amare. Siamo solo noi a definire i limiti, prima che il carico sia insopportabile.

“Innamorati di te, della vita e dopo di chi vuoi” diceva Frida Kahlo. Celebriamo l’amor proprio e coccoliamoci non solo il 14 febbraio, ma sempre. Buon San Valentino!

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

LEGGI anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Comunicatrice sociale specializzata in giornalismo ambientale e terzo settore, un master in Comunicazione Ambientale e uno in Innovazione Sociale. In greenMe ha trovato il suo habitat ideale.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook