Effetto Zeigarnik: ecco perché il cervello umano tende a ricordare di più le cose incompiute

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il cervello umano tende a ricordare di più i compiti lasciati in sospeso, si tratta del cosiddetto effetto Zeigarnik.

A scoprirlo è stata la psicologa lituana Bluma Zeigarnik, che durante una cena si accorse che il cameriere teneva a mente moltissime ordinazioni in sospeso, per poi dimenticarsene dopo averle servite.

La psicologa decise di analizzare meglio il fenomeno chiedendo a diversi soggetti di completare alcuni esercizi tra cui enigmi, problemi, giochi. Scoprì così che i soggetti esaminati si ricordavano due volte di più gli esercizi non conclusi che quelli portati a termine.

Perché accade? Perché il cervello rimane in uno stato mentale di tensione finché non porta a termine i compiti che si è prefissato.

Lo stesso effetto interviene quando non riusciamo a dimenticare le relazioni passate, terminate a causa della volontà altrui, e che quindi ci risultano in qualche modo irrisolte. Succede anche con le canzoni che canticchiamo a distanza di tempo dopo averle sentite e che non riusciamo a dimenticare.

Il pensiero tende a tornare sempre lì, anche se cerchiamo di distrarci con altro. Non a caso l’effetto Zeigarnik viene spesso sfruttato in ambito televisivo, quando gli episodi delle serie si concludono lasciando incompiuto il finale.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018. Appassionata di viaggi, folklore, maschere tradizionali. Si occupa anche di tematiche ambientali, riciclo creativo e fai da te. Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo". Nel 2018 ha dato vita a Mirabilinto, labirinto di meraviglie illustrate.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook