L’altro lato dell’empatia che in pochi ammettono (e di cui nessuno parla)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Siamo abituati a considerare l'empatia come qualcosa di assolutamente positivo, ma è proprio così? A quanto pare no. L'empatia ha molti lati oscuri

Si parla spesso di quanto sia importante l’empatia, ovvero la capacità di mettersi nei panni di un’altra persona e di comprenderla in profondità. Che si tratti di una preziosa qualità è indiscutibile perché, fra le altre cose, favorisce il senso di appartenenza e fiducia tra le persone. Tuttavia non è priva di lati oscuri.

I ricercatori hanno scoperto che, in alcuni casi, l’eccessiva empatia può essere controproducente. Come spiega questo articolo di Mental Health America, le persone più a rischio sono quelle che oltre a essere empatiche, svolgono professioni di aiuto e assistenza, in quanto strettamente a contatto con le emozioni altrui per lunghi periodi di tempo.

Questi soggetti rischiano stati di esaurimento e di apatia, specie se non riescono a stabilire limiti sani. Immedesimarsi nelle esperienze e nelle emozioni negative altrui, a lungo andare può infatti indebolirci e mettere alla prova il nostro benessere.

Ma esiste anche un altro lato oscuro dell’empatia, che appare decisamente paradossale. Perché proprio questa capacità, che dovrebbe favorire la connessione e la fiducia tra persone, in alcuni casi può scatenare l’effetto opposto.

Se da un lato l’empatia favorisce l’identificazione con le altre persone, dall’altro può rendere meno sensibili nei confronti di chi non appartiene alla propria cerchia o gruppo, alimentando l’avversione per chi è diverso.

Lo ha rivelato uno studio secondo il quale l’empatia innescata dalla connessione sociale rende più probabile la disumanizzazione degli individui appartenenti a un gruppo esterno, alimentando sensazioni di avversione.

Ma allora, che fare? Smettere di essere empatici? Assolutamente no, l’empatia rimane pur sempre una qualità positiva che vale la pena coltivare, ma conoscerne i lati oscuri può insegnarci a osservarla da un’altra prospettiva, mettendone in luce aspetti che normalmente non prendiamo in considerazione. Imparare a conoscerli, può aiutarci a evitarli.

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018. Appassionata di viaggi, folklore, maschere tradizionali. Si occupa anche di tematiche ambientali, riciclo creativo e fai da te. Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo". Nel 2018 ha dato vita a Mirabilinto, labirinto di meraviglie illustrate.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook