Pescano tonno e lo consumano (probabilmente crudo): 40 persone intossicate con vomito e diarrea a Gubbio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Circa 40 persone di un circolo amatoriale di pesca di Gubbio sono rimaste intossicate dopo aver consumato tonno (probabilmente crudo) da poco pescato. Tutti hanno presentato sintomi come vomito e diarrea ma cosa conteneva il pesce?

Sembra che dobbiamo prestare sempre più attenzione a ciò che mangiamo, il rischio di un’intossicazione alimentare (soprattutto se consumiamo carne e pesce crudi) è plausibile e dovremmo usare le dovute accortezze.

Ce lo ricorda quanto accaduto a Gubbio, dove 40 persone sono rimaste intossicate e hanno accusato sintomi gastrointestinali come vomito e diarrea, dopo aver pescato e consumato tonno.

Alcuni dettagli fondamentali di quanto accaduto devono ancora emergere ma quello che si sa finora è che il gruppo, che apparteneva ad un circolo amatoriale di pesca di Gubbio, si era riunito per pescare e mangiare tonno.

Il pranzo però non è andato esattamente nel verso giusto, dopo aver consumato il pesce infatti (probabilmente crudo), tutti i partecipanti al banchetto hanno avuto attacchi di dissenteria acuta e vomito.

Alcune registrazioni audio di quanto accaduto hanno definito “scene apocalittiche”, quelle verificatesi nel ristorante. Alcune ambulanze sono arrivate sul posto e due persone sono state trasportate in codice verde all’ospedale.

Fortunatamente, l’intossicazione alimentare non è stata molto grave ma lo spavento in compenso è stato forte.

Cosa è accaduto e come possiamo difenderci

La dinamica non è ancora chiara ma se davvero i commensali hanno consumato pesce crudo è plausibile che questo non sia stato abbattuto correttamente e dunque poteva contenere qualche batterio che ha provocato l’intossicazione alimentare.

Sono davvero molti i possibili contaminanti: listeria, escherichia coli, anisakis o salmonelle, microrganismi che il più delle volte provocano infezioni non gravi ma che possono diventarlo per le persone più fragili come bambini, donne incinte e anziani.

La cosa fondamentale quando si mangia pesce crudo è assicurarsi che sia stato abbattuto a norma di legge e lo stesso vale se siamo noi a pescarlo. Si tratta di una pratica che va sempre fatta in ogni caso.

Leggi anche: Conosci davvero i pericoli di mangiare sushi o pesce crudo? Stiamo sottovalutando troppo i rischi dell’anisakis

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Corriere Adriatico 

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook