Portulaca: sai come usare in cucina questa erbaccia ricca di Omega 3?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La portulaca è una pianta succulenta che cresce spontanea. Oltre a essere apprezzata per le sue innumerevoli proprietà, la portulaca è molto versatile in cucina. Scopriamo come usarla per le tue ricette

La portulaca dà il meglio di sé quando la pianta è giovane e piccola, per le sue foglie tenere e deliziose.

Prima di consumarla, ricorda di lavare accuratamente tutta la pianta.

Per farlo, riempi il lavandino con acqua fredda e immergi l’intero mazzetto. Usa delle forbici per tagliare ed eliminare gli steli più spessi e, una volta risciacquata, sollevala dall’acqua e falla asciugare tamponando delicatamente con degli strofinacci da cucina.

Cos’è la portulaca?

La portulaca è una succulenta annuale. È una pianta erbacea che è stata naturalizzata in molte parti del mondo. Può prosperare in terreni poveri e puoi trovarla anche in molti campi coltivati, ai bordi delle strade o persino nei giardini delle case.

Ha piccoli fiori gialli con 5 petali e stami gialli. La pianta fiorisce da metà estate fino all’inizio dell’autunno. I boccioli, le foglie e gli steli dei fiori sono tutti commestibili.

Può essere cucinata come verdura ed è ottima per preparare diverse tipologie di ricette dalla semplice insalata, alla frittata e alla pasta fresca.

Benefici e proprietà

La portulaca è molto più nutriente, ed è in realtà considerata uno degli alimenti più ricchi di nutrienti sulla terra. I principali nutrienti e benefici per la salute sono:

  • alto contenuto di acidi grassi Omega-3.
  • ricca di antiossidanti con un alto livello di vitamina C, vitamina E
  • ha 6 volte più vitamina E degli spinaci
  • è ad alto contenuto di minerali importanti come magnesio, calcio, potassio e ferro
  • aiuta a regolare la pressione sanguigna e ridurre il rischio di malattie cardiache.

Leggi anche: Se hai in giardino questa “erbaccia”, non strapparla! Prepara un pesto a costo zero buonissimo e ricco di omega3

Che gusto ha la portulaca

La portulaca cruda è croccante e aspra. Una volta cotta, ha un sapore che ricorda quello degli spinaci.

Una volta rimossa la radice, le altre parti sono per lo più commestibili: foglie, steli e boccioli di fiori.

Come mangiare la portulaca

insalata di portulaca

©Oykuozgu/123rf

La portulaca può essere gustata cruda o cotta, proprio come gli spinaci.

Il modo più semplice per mangiarla è in una semplice insalata. Tutto ciò che serve è aglio, sale, olio e pomodorini. Ecco come procedere:

  • per preparare un’insalata di portulaca porta a bollore una pentola con acqua e un pizzico di sale
  • una volta raggiunto il grado di ebollizione aggiungi la portulaca e cuoci per 1 minuto
  • dopo di che, togli dal fuoco e, in una padella a fuoco medio, aggiungi un cucchiaio di olio
  • una volta caldo aggiungi l’aglio, e lascia soffriggere
  • spegni il fuoco, aggiungi la portulaca e mescola per insaporirla
  • versa la tua portulaca nel piatto, aggiungi dei pomodorini freschi e condisci con sale (a piacere), un cucchiaino di olio Evo e dell’aceto balsamico.

Oltre all’insalata di portulaca, ecco altre deliziose ricette:

  • frittata di portulaca
  • portulaca al vapore con patate
  • portulaca saltata all’aglio
  • portulaca fritta in pastella
  • pasta con aglio e portulaca
  • ravioli di pasta fresca ripieni di ricotta e portulaca.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok |   Youtube

Ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook