Pesticidi nel vino: svela la verità sul Bordeaux e finisce in tribunale, la storia di Valérie Murat

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Valérie Murat, fondatrice dell'associazione “Alerte aux Toxiques!" è finita in tribunale per aver denunciato la presenza di pesticidi nel pregiato vino Bordeaux. La sua è una storia di coraggio e di lotta contro le grandi lobby.

Quella di Valérie Murat, finita in tribunale per aver denunciato la presenza di pesticidi nel pregiato vino Bordeaux, è una storia di coraggio e di lotta contro le grandi lobby.

Nel 2012 Valérie ha perso il padre, che lavorava come viticoltore, per un tumore ai polmoni probabilmente legato all’uso di pesticidi, in particolare l’arsenito di sodio usato per ben quattro decenni, 1958 al 2000. La patologia del padre della donna è stata riconosciuta come malattia professionale dalla previdenza sociale agricola francese. Prima di morire, l’uomo avrebbe voluto procedere per vie legali contro l’industria chimica e lo Stato, consapevole dei rischi a cui era esposto lui insieme a tanti altri viticoltori. Così, dopo la morte del padre, Valérie Murat ha deciso di battersi contro l’industria dei pesticidi. Per questo nel 2016 ha fondato l’associazione “Alerte aux Toxiques!”, che si batte per un’agricoltura rispettosa dell’ambiente e della salute umana.

L’impegno dell’associazione “Alerte aux Toxiques!” contro l’industria dei pesticidi

La scorsa estate l’associazione aveva affrontato la questione del greenwashing, evidenziando come alcuni vini di alta qualità si facessero pubblicità confondendo i consumatori utilizzando un marchio di qualità ecologica che non ha nulla a che fare con l’agricoltura biologica. Il marchio in questione, presente sulle bottiglie, dichiara “Haute Valeur Environnementale” (HVE), in italiano “alto valore ambientale”. Ma la maggior parte dei consumatori non immagina che dietro il marchio si cela l’uso di pericolosi pesticidi.

Gli attivisti hanno quindi deciso di approfondire la questione, inviato 22 bottiglie marchiate HVE con prezzi tra gli otto e gli 85 euro a un laboratorio indipendente. E in tutte le bottiglie di vino sono state trovate delle sostanze attive, per essere più precisi ben 28. In ogni singola bottiglia ne sono state rilevate tra le 4 e le 15 sostanze.  La maggior parte di esse sono dannose per gli organismi acquatici, anche con effetti a lungo termine, mentre molte sono sospettate di interferire con il sistema endocrino umano. I risultati delle analisi condotte sulle bottiglie di vino sono state poi pubblicati dall’associazione “Alerte aux Toxiques!” in una relazione finale, consultabile online.

https://www.facebook.com/permalink.php?story_fbid=3524179404299129&id=1033221356728292

La reazione del Conseil Interprofessionnel du Vin de Bordeaux e la causa in tribunale

Poco dopo, però l’associazione di categoria dei vini di Bordeaux (Conseil Interprofessionnel du Vin de Bordeaux, CIVB in breve) è intervenuta, sostenendo che la pubblicazione di “Alerte aux Toxiques” sia un documento diffamatorio e chiedendo a Valérie Murat di rimuovere la pubblicazione. Non solo. L’associazione dei vini di Bourdeaux ha anche chiesto 100.000 euro di risarcimento danni e ulteriori pagamenti a singole aziende vinicole. Inoltre, Valérie dovrebbe pagare per gli articoli pubblicati sui giornali in cui si affronta il tema della presenza di residui nei vini. In totale, quindi, le richieste di risarcimento ammontano a circa 450.000 euro.

Per il suo operato Valérie Murat è finita in tribunale. E nel corso della prima udienza, che si è tenuta una settimana prima delle scorso Natale, i sei avvocati che difendono la causa del Conseil Interprofessionnel du Vin de Bordeaux non hanno presentato risultati di misurazione concreta, ma hanno preferito argomentare sostenendo che Valérie fosse spinta da un profondo odio per il vino di Bordeaux. Ma se di odio dobbiamo parlare, forse sarebbe meglio dire che non si tratta di odio nei confronti del vino e dei suoi produttori, ma piuttosto verso le sostanze tossiche che vengono utilizzate per produrlo.

Il prossimo 25 febbraio la Corte si pronuncerà sulla causa. Ma Valérie ha il sostegno di tante associazioni e istituzioni, tra cui l’Istituto per l’Ambiente di Monaco, attualmente a processo in Alto Adige per aver denunciato la presenza di pesticidi nei meleti intensivi del territorio altoatesino.

Anche noi di greenMe, da sempre contro l’uso dei pesticidi, facciamo il tifo per Valérie e speriamo che il suo coraggio venga ripagato e possa ispirare tante altre persone a denunciare l’uso di sostanze che rappresentano un pericolo per l’ambiente e per la nostra salute!

Fonte: Alerte aux Toxiques/Istituto per l’Ambiente di Monaco di Baviera/Facebook

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook