Il ritorno dell’olio di palma: dai biscotti al tonno, rischiamo di trovarlo al posto dell’olio di semi di girasole

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La carenza di olio di girasole sta creando seri problemi all'industria alimentare che è solita utilizzarlo in un'enorme varietà di prodotti: dai biscotti alle creme spalmabili, dai sughi dal tonno. Ma come verrà sostituito?

La ricetta del porridge senza cottura

A causa del conflitto russo-ucraino, tra circa un mese le scorte di olio di girasole del nostro Paese saranno esaurite e consumatori e produttori stanno cercando di correre ai ripari. Da una parte c’è chi “assalta” i supermercati per acquistare bottiglie e latte da 5 litri per fare scorta, dall’altra c’è chi si vede costretto a sostituire quest’olio con altri grassi vegetali.

Leggi anche: La guerra in Ucraina colpisce anche l’importazione di olio di girasole: in Italia le scorte stanno terminando 

Ieri vi abbiamo parlato di come il ministero dello Sviluppo Economico abbia deciso di intervenire a favore dei produttori, consentendo di modificare temporaneamente le etichette, segnalando la sostituzione dell’olio di girasole con altri grassi vegetali attraverso delle aggiunte (getto d’inchiostro o altri sistemi equivalenti ad esempio, sticker adesivi), in attesa di stampare le nuove etichette.

Leggi anche: L’olio di girasole sta per finire, ecco cosa succederà ai prodotti che lo contengono. La circolare del Mise

Ma la domanda che tutti ci facciamo è: con cosa verrà sostituito l’olio di girasole? Ad oggi non è dato saperlo ma nelle prossime settimane ci accorgeremo tutti su quale alternativa si sono orientati principalmente i produttori.

Indubbiamente ci sono diversi problemi: uno è il costo e l’altro è che l’industria alimentare ha bisogno di un grasso il cui sapore sia neutro e dunque si possa ben adattare ai diversi prodotti, come dicevamo dalle creme spalmabili a base di nocciole e cioccolato ai sughi.

Probabilmente torneremo a vedere più spesso l’olio di palma e su questo fronte rischiamo di tornare indietro, soprattutto considerando tutte le battaglie che sono state fatte negli scorsi anni per cercare di limitare l’uso di un prodotto che, sul fronte ambientale (e probabilmente anche considerando la salute) è parecchio controverso.

Leggi anche: Olio di palma, chi ne consuma troppo è a rischio cancro: la lista dei cibi da evitare

Anche l’olio di mais, almeno in quanto a neutralità del sapore, potrebbe essere una buona alternativa ma, proprio come i semi di girasole, anche il mais sta iniziando a scarseggiare a causa del blocco delle esportazioni dall’Ucraina, la Russia e anche l’Ungheria.

Leggi anche: L’Ungheria blocca l’esportazione di mais e in Italia gli animali potrebbero essere abbattuti per mancanza di mangime

La situazione indubbiamente è ingarbugliata, complessa e si prevede anche lunga (almeno per quanto riguarda la carenza di olio di girasole). A noi non resta che fare sempre più attenzione alle etichette dei prodotti che acquistiamo.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Ministero dello Sviluppo Economico

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook