Non cenare troppo tardi! Ecco cosa succede al tuo corpo (e al tuo metabolismo) quando mangi dopo quest’ora

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Mangiare troppo tardi ha delle conseguenze sulla tua linea: uno studio ci mostra finalmente come cambia il nostro metabolismo in questi casi

L’ora in cui mangi è importatissima per il tuo metabolismo: scopri cosa succede al tuo corpo quando ceni troppo tardi!

Delle volte, i risultati della ricerca scientifica si allineano senza fatica con i precetti del buon senso: mangiare troppo tardi appesantisce il tuo corpo. Secondo uno studio recentissimo, infatti, causerebbe delle reazioni che aumentano la produzione del grasso e abbassano la quantità di calorie bruciate.

Anche prima di questo studio, in realtà, avevamo già diversi team di ricerca che avevano indicato altri effetti nocivi di cenare troppo tardi. Ad esempio, cenare entro un certo lasso di tempo abbassa il rischio di ictus, ma anche scegliere cosa mangi di sera fa una grande differenza.

C’è però una novità fondamentale nello studio che vi accennavamo prima: finalmente abbiamo una spiegazione più chiara di come funziona il processo metabolico che ci porta a ingrassare di più se mangiamo troppo tardi la sera. (Leggi anche: Ecco perché non dovresti mai cenare tardi la sera secondo il nutrizionista)

Mangiare tardi stimola la adipoegenesi: lo studio

Cosa succede quindi al nostro corpo quando ceniamo tardi la sera? In pratica, quando mangi dopo un certo orario, ci sono due ormoni- leptina e grelina – che agiscono in modo anomalo. La leptina è responsabile del nostro senso di sazietà ed è stato riscontrato come ritardare il momento della cena abbassi i livelli di questo ormone durante le 24 ore successive, portando a un senso di sazietà inferiore. Inoltre, il nostro corpo brucia le calorie molto più lentamente per la stessa durata mentre c’è una maggiore espressione del gene responsabile dell’adipogenesi.

In sostanza, il nostro corpo smette di scindere le riserve di grassi per generare energia e conserva una quantità maggiore di grassi nel corpo, rendendoci anche più affamati.

Ma come sono arrivati a queste conclusioni? La ricercatrice, nonché prima autrice dello studio, la dottoressa Nina Vujovic ha studiato, insieme al suo team, i risultati fisiologici in un campione di 16 persone con un indice di massa corporea compreso tra il sovrappeso e l’obeso.

Prima di sottoporre la coorte al test vero e proprio, sono state eseguite dalle due alle tre settimane di preparazione, in cui i soggetti hanno dovuto seguire una routine del sonno e della nutrizione molto rigida. Dopo di ché, ognuno di loro è stato sottoposto a un esperimento: lo stesso menù è stato servito sia ad un orario considerato normale e salutare sia con ognuno dei pasti spostati a 4 ore dopo. Per ognuno dei partecipanti è stato tenuto in considerazione un insieme di fattori che assicurano l’affidabiltà dello studio nonostante il basso numero di partecipanti.

Questo studio ha un grande valore, perché conferma quello che sapevamo già sull’argomento, ma ci aiuta soprattutto fornendoci una descrizione dettagliata del perché ingrassiamo se ceniamo troppo tardi la sera.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureando in Letterature e Culture Comparate all'Università dell'Orientale di Napoli. Si occupa di letteratura, sport, cucina e ambiente, collaborando anche con una nota rivista letteraria partenopea.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook