Come mangia il mondo. L’indice dell’alimentazione sana. Italia solo ottava

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In Olanda si mangia meglio che in Italia? Secondo il Good Enough to Eat Index, è proprio così. L’indice globale sull’alimentazione - un’iniziativa lanciata da Oxfam - confronta i dati di 125 Paesi del mondo e analizza come ognuno di essi affronta la sfida di garantire un’alimentazione sana, nutriente ricca e accessibile a tutti i propri abitanti. Sulla base della classifica, l’Italia è inaspettatamente all’8° posto, mentre in prima posizione troviamo l’Olanda.

Sta per finire investito, la mamma lo salva

Pane, olio e tulipani: in Olanda si mangia meglio che in Italia? Secondo il Good Enough To Eat Index, è proprio così. L’indice globale sull’alimentazione – un’iniziativa lanciata da Oxfam – confronta i dati di 125 Paesi del mondo e analizza come ognuno di essi affronta la sfida di garantire un‘alimentazione sana, nutriente ricca e accessibile a tutti i propri abitanti. Sulla base della classifica, l’Italia è inaspettatamente all’8° posto, mentre in prima posizione troviamo l’Olanda.

Al secondo e al terzo posto ecco Francia e Svizzera. Il Ciad chiude la classifica, insieme all’Angola. Nei Paesi più poveri, aleggia lo spettro della fame, mentre nelle nazioni più ricche, come l’Italia, risulta sempre più difficile assicurare l’accesso a cibo sano nutriente.

La classifica si basa sulla qualità degli alimenti, sull’accessibilità e sulla presenza di una dieta salutare. Si domanda, inoltre, quante persone abbiano realmente a disposizione quantità di cibo sufficienti nel mondo. Secondo Oxfam, sono la povertà e l’ineguaglianza a nutrire la fame, in quei Paesi dove i Governi non sono in grado di attuare misure efficaci per ridistribuire le risorse e dove le persone non hanno il denaro necessario per acquistare il cibo.

Eppure, anche dove le risorse economiche non mancano, avere a disposizione cibo salutare e di qualità risulta difficile. L’Italia si trova all’ 8° posto della classifica, a pari merito con Irlanda e Portogallo. Si tratta di un piazzamento davvero deludente per il nostro Paese, dove il cibo e il mangiar bene vengono considerati un tratto positivo dell’identità nazionale.

Perché l’Italia non è al 1° posto? Secondo Elisa Bacciotti, Direttrice Campagne Oxfam Italia, nel nostro Paese sempre più persone fanno fatica a mangiare sano e a far quadrare il bilancio. Il costo della vita è alto rispetto al reddito medio degli italiani, che hanno meno possibilità di acquistare cibo buono e a buon mercato rispetto agli altri Paesi, pur spendendo di più.

I Paesi in cui la popolazione affronta le maggiori difficoltà per accedere a una quantità di cibo sufficiente – con i peggiori indici di malnutrizione e di sottopeso infantile – sono Burundi, Yemen, Madagascar e India. Al contrario, gli Stati Uniti, il Messico, le isole Fiji, il Kuwait e l’Arabia Saudita ottengono punteggi più bassi a causa dell’alto numero di individui con diabete o affetti da obesità.

oxfam come mangia il mondo

L’iniziativa è parte della campagna di Oxfam Coltiva – il Cibo, la Vita, il Pianeta e punta a sensibilizzare cittadini, imprese e istituzioni sugli interventi necessari a riformare il sistema di produzione e distribuzione alimentare, che ancora oggi nel mondo produce più di 800 milioni di affamati. La fame non è un fenomeno inevitabile, è il momento di agire.

image001

Per saperne di più: oxfamitalia.org.

Marta Albè

Leggi anche:

Fao: i costi della malnutrizione nel mondo sono pari al PIL della Germania
Scopri il marchio: Oxfam dà la pagella all’etica delle multinazionali alimentari

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook