Fonio: questo è il grano antico più resistente alla siccità (ma non lo hai mai sentito nominare)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il fonio è un cereale antichissimo di origine africana. Oltre a ricordare altri cereali come quinoa e miglio, il fonio si caratterizza per essere una coltura resistente alla siccità e in grado di crescere anche in terreni molto aridi. Scopriamo cos'è, i benefici per la salute e come usarlo in cucina

Per migliaia di anni, gli agricoltori dell’Africa occidentale hanno coltivato il fonio, una specie di miglio che sa di couscous o quinoa.

Storicamente considerato come il cereale più antico dell’Africa, il fonio era definito come il cibo di capi e re. In paesi come il Senegal, il Burkina Faso e il Mali veniva servito nei giorni festivi, ad esempio durante i matrimoni e il mese di Ramadan.

Oggi l’attenzione è sempre più concentrata sul fonio per la sua resilienza e i benefici per la salute. Poiché il clima continua a cambiare, la resistenza alla siccità e la capacità di questa coltura di crescere in terreni poveri lo hanno reso un alimento davvero straordinario soprattutto in quelle regioni dove vi è scarsità d’acqua.

Ha anche un importante valore nutrizionale poiché è un cereale a basso indice glicemico e senza glutine, il che lo rende una buona fonte di aminoacidi per le persone con diabete o intolleranza al glutine.

Leggi anche: Arrowroot: conosci la fecola di maranta? Cos’è, a cosa serve, benefici e utilizzi

Fonio: valori nutrizionali

Oltre a essere naturalmente a basso contenuto di colesterolo, sodio e grassi, circa 45 grammi di fonio secco fornisce:

  • Calorie: 170
  • Proteine: 2 grammi
  • Zucchero: 0 grammi
  • Grassi: 0,5 grammi
  • Carboidrati: 39 grammi
  • Fibra: 4% del fabbisogno giornaliero
  • Ferro: 4% del fabbisogno giornaliero

Benefici del fonio

Nonostante il fonio esista da oltre 5.000 anni, mancano ricerche scientifiche su questo cereale.

Alcuni studi suggeriscono che il clima, le condizioni del suolo e le pratiche agricole possono influenzare il contenuto di nutrienti di particolari alimenti vegetali in tutta l’Africa. Scopriamo insieme tutte i benefici di questa antica coltura.

Ottima fonte di aminoacidi di origine vegetale

Il fonio è una buona fonte di proteine ed è perfetto per chi segue una dieta vegetariana o vegana.

Sebbene la sua composizione proteica sia paragonabile a quella del riso bianco, il fonio contiene quantità significativamente maggiori degli aminoacidi.

Grano intero

Il fonio si consuma nella sua interezza e quindi è considerato un cereale integrale.

I cereali integrali possono aiutare a controllare il peso e la salute dell’intestino. Sono anche associati a una miriade di benefici per la salute, tra cui un ridotto rischio di diabete di tipo 2, malattie cardiache e cancro del colon-retto, del pancreas e dello stomaco.

Può aiutare nella gestione della glicemia

La ricerca suggerisce che il fonio contiene amido resistente, ossia in grado di resistere alla digestione e all’assorbimento nell’intestino tenue.

Secondo gli studi, gli amidi resistenti hanno molti benefici per la salute e possono svolgere un ruolo nell’aumentare la sensibilità all’insulina e nell’abbassare i livelli di zucchero nel sangue.

Inoltre, questo cereale ha un basso indice glicemico (GI), il che significa che non aumenta rapidamente i livelli di zucchero nel sangue. Per questo motivo, può aiutare le persone con diabete a gestire la glicemia.

Come usare il fonio

Il fonio è estremamente versatile e, una volta cotto, ha un gusto terroso in grado di assorbire i sapori dei cibi con cui è preparato.

Nell’Africa occidentale è tradizionalmente cucinato come il couscous, oppure trasformato in porridge o ancora mescolato nelle bevande. Come altri cereali, può essere macinato e ridotto in farina per poi essere utilizzato nella preparazione di prodotti da forno, come pane, biscotti e torte.

Puoi sostituire il fonio con qualsiasi cereale, come riso, couscous, miglio, sorgo, quinoa e orzo. Usalo nel porridge nello stesso modo in cui useresti l’avena, oppure aggiungilo a zuppe o nelle insalate.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok |   Youtube

Ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook