Pesticidi nelle fragole: non basta sciacquare, questi sono i migliori e più efficaci metodi per rimuoverli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Qual è il modo migliore per lavare via i pesticidi dalle fragole? Questo frutto ne contiene più di tutti gli altri e sciacquarle semplicemente con acqua non è sufficiente

Le fragole, tanto per cambiare, sono il frutto che contiene più di tutti residui di pesticidi potenzialmente dannosi. A dirlo è il gruppo di lavoro sull’ambiente americano, l’EWG, che ha classificato i livelli di residui di pesticidi di frutta e verdura sulla base di campioni prelevati dal Dipartimento dell’Agricoltura statunitense e dalla Food and Drug Administration.

Ogni anno esce fuori una Dirty Dozen™, una “sporca dozzina” di vegetali e frutta con alti livelli di sostanze chimiche, trovate dopo aver lavato e sbucciato ogni singolo ingrediente. Anche nel 2021 si confermano le fragole la frutta più contaminata e gli spinaci per quanto riguarda le verdure. Alla luce di questi dati, risulta ancora più importante sapere esattamente come rimuovere questi residui prima di consumare il frutto.

Per questo, sciacquare le fragole non basta.

Leggi anche: Probabilmente non stai lavando le fragole nel modo corretto

lavare fragole

@Nataly Mayak/123rf

Qual è il modo migliore per lavare via i pesticidi?

  • Utilizzare una miscela di acqua salata e aceto, in cui immergerle per una decina di minuti
  • Utilizzare acqua e bicarbonato, una miscela di circa 28 grammi di bicarbonato mescolata con circa 3 litri d’acqua. Circa 12 minuti.
  • Immergere le fragole in un contenitore riempito con un bicchiere di aceto diluito con due bicchieri d’acqua per circa 10 minuti

Leggi anche: Come disinfettare correttamente le fragole per eliminare pesticidi e parassiti

Una volta sciacquati i frutti, scolate con un colino a rete e asciugate delicatamente con un canovaccio pulito o della carta assorbente appena prima di mangiarli.

Non bisogna fare l’errore di sciacquare i frutti rossi appena acquistati, in questo modo infatti aumenta l’umidità e si accelerano la microflora, la muffa e quindi il deterioramento. Ecco perché è meglio sciacquarli esclusivamente prima di mangiarli.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Leggi anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Per suggerimenti, storie o comunicati puoi contattare la redazione all'indirizzo redazione@greenme.it

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook