Diabete: questi 5 cibi ricchi di fibre sono veri e propri superfood per abbassare glicemia e regolarizzare gli zuccheri nel sangue

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sarai sorpreso di scoprire come semplicemente inserendo questi 5 cibi ricchi di fibre nella tua dieta, potrai abbassare la glicemia e regolarizzare i livelli di zucchero nel sangue. Vediamo insieme quali sono questi veri e propri superfood.

Si sa, l’alimentazione è essenziale per combattere il diabete, una malattia cronica in cui la glicemia, ovvero i livelli di zucchero nel sangue, tendono ad aumentare.

Per questo, oltre ad un’adeguata terapia farmacologica, viene spesso consigliato uno specifico piano alimentare per diabetici che tenga conto dei picchi glicemici. Infatti, mantenere i giusti livelli di zuccheri nel sangue è fondamentale per prevenire e gestire il diabete di tipo 2, l’ipertensione e l’ipoglicemia, nonché per prevenire l’obesità.

In tal senso, andrebbero privilegiati i cibi integrali ricchi di fibre e ridotti il più possibile i cibi industriali, soprattutto se al loro interno sono contenuti zuccheri aggiunti.

Sarai sorpreso di scoprire come semplicemente inserendo questi 5 cibi ricchi di fibre nella tua dieta, potrai abbassare la glicemia e regolarizzare i livelli di zucchero nel sangue. Vediamo insieme quali sono questi veri e propri superfood.

Leggi anche: Glicemia: questi cibi che non ti aspetti abbassano il livello di zuccheri nel sangue

Fiocchi d’avena

I fiocchi d’avena si presenta in fiocchi più piccoli rispetto a quelli tradizionali e contiene sia fibre insolubili che solubili. Quest’ultime sono particolarmente benefiche, in quanto si depositano nello stomaco senza essere assorbite dal sangue, lasciando un senso di sazietà senza causare picchi di zucchero nel sangue.

L’avena, inoltre, grazie all’elevato contenuto di fibre solubili che fermentano nell’intestino, agisce anche come un prebiotico utile per i batteri intestinali.

Leggi anche: Mangiare poche fibre provoca gravi squilibri al microbiota, esponendo al rischio di infezioni intestinali: lo studio

Orzo

L’orzo oltre ad essere un cereale ricco di sali minerali come potassio, calcio e ferro, e per questo è considerato un ottimo remineralizzante ed energizzante, è ricco di fibre solubili associate ad un abbassamento del colesterolo, diminuzione degli zuccheri nel sangue e ad un aumento della sazietà.

Inoltre, vanta anche proprietà antinfiammatorie ed è davvero ottimo per chi soffre di problematiche gastrointestinali come colite, gonfiori e acidità.

Ceci

I ceci sono legumi ricchi di fibre alimentari, in particolare una fibra solubile chiamata raffinosio, che è associata ad un abbassamento dei livelli di zucchero nel sangue.

Inoltre, sono ricchi di proteine e un’ottima fonte di sali minerali come calcio, ferro, fosforo e potassio, nonché contengono anche vitamina A e vitamine del gruppo B. Per questo, sono ottimi per abbassare il colesterolo, per preservare la salute del cuore e per una buona circolazione del sangue.

Mela

Le mele sono un’ottima fonte di fibre, con 5 gr. per frutto medio una singola mela permette di raggiungere il 20% dell’obiettivo giornaliero di fibre consigliato ossia circa 25 gr.

Gran parte della fibra presente nelle mele proviene dalla pectina, la quale produce un acido chiamato butirrato utile a nutrire la flora intestinale benefica ed a rallentare l’assorbimento dello zucchero, prevenendo i picchi di zucchero nel sangue.

Semi di chia

Infine, i semi di chia sono ricchi di proprietà benefiche in grado di aiutare ad abbassare i livelli di zucchero nel sangue e prevenire aumenti rapidi e significati dei valori di glucosio.

A confermarlo è uno studio pubblicato sull’European Journal of Clinical Nutrition, il quale avrebbe evidenziato come le fibre contenute nei semi di chia possano rallentare l’aumento rapido dei valori di glucosio nel sangue del 39% ed avere effetti sulla sazietà.

Tuttavia, è molto importante che le persone affette da diabete prestino attenzione nell’assunzione di semi di chia, poiché potrebbero far diminuire la glicemia a tal punto da richiedere un aggiustamento del dosaggio dell’insulina. Per questo, è bene consultare sempre il proprio medico. (Leggi anche: Diabete: questi piccoli e potenti semi hanno dimostrato di abbassare la glicemia del 39%).

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in sociologia e studentessa in media, comunicazione digitale e giornalismo. Curiosa e creativa, le sue passioni sono la scrittura, gli animali e il buon cibo. La sua lingua madre è il dialetto siciliano.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook