Questi alimenti sono fondamentali nella tua dieta per combattere infiammazioni e arrossamenti, lo studio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un nuovo studio dimostra come una dieta sana possa prevenire infiammazioni e arrossamenti, grazie all'assunzione di un particolare amminoacido

Non basta mai ripetere che un’alimentazione completa e varia permette di prevenire malattie e curare i piccoli problemi di ogni giorno. Un nuovo studio, ad esempio, dimostra come una dieta sana possa prevenire infiammazioni e arrossamenti. 

Esistono molti tipi di infiammazioni e arrossamenti che possono rivelarsi più o meno fastidiosi e avere effetti anche gravi sulla nostra salute nel lungo periodo. Ad esempio, mentre un’infiammazione acuta (quella che osserviamo quando una piccola ferita si gonfia e si arrossa, ma solo per un breve periodo di tempo) si sviluppa come forma di difesa e protezione per il corpo stesso, altri tipi di infiammazione possono arrecare molti danni se non correttamente medicate. È la cosiddetta infiammazione cronica, che persiste nel tempo e che può portare a problemi di salute più gravi.

Ora un nuovo studio dimostra che livelli di triptofano troppo bassi nel sangue possono contribuire all’aumento delle infiammazioni cutanee. Il triptofano è un amminoacido in grado di influenzare l’abilità della pancia di proteggere contro le infiammazioni: livelli troppo bassi di questa sostanza, infatti, danneggiano la salute dell’intestino e causano infiammazioni – soprattutto con l’avanzare dell’età.

Il nostro organismo non è in grado di sintetizzare questo amminoacido, pertanto è necessario assumerlo dall’esterno, grazie a una sana ed equilibrata alimentazione. Di solito viene assunto mangiando alimenti come pollame e uova; assumerlo invece nell’ambito di una dieta a base vegetale, attraverso alimenti come la soia o i semi di zucca e di girasole (alimenti sani e poco processati artificialmente), favorisce non solo un maggior e più efficace assorbimento di questa sostanza, ma contribuisce anche a migliorare la salute dell’intestino e della pelle.

(Leggi anche: I semi della salute: sesamo, lino, girasole e zucca)

Ancor più sbagliato pensare di assumere il triptofano attraverso integratori e supplementi alimentari. Gli integratori, infatti, possono avere effetti negativi – quali mal di stomaco, diarrea, nausea, vomito, perdita di appetito, mal di testa, secchezza delle fauci. Inoltre, i supplementi alimentari a base di triptofano possono interferire con altri trattamenti medici, quindi è bene consultare il proprio medico prima di acquistarli ed eventualmente assumerli.

Contribuire a ridurre le infiammazioni non è l’unico effetto positivo dell’assunzione di triptofano. Questo amminoacido, infatti, quando viene convertito in niacina (vitamina B3) dal nostro corpo, contribuisce ad aumentare i livelli di serotonina nel sangue, migliorando il nostro umore e diminuendo ansia e stress – ciò avviene, tuttavia, se vengono assunte anche le vitamine B6 e B12, nonché un buon livello di ferro.

Fonte: MDPI

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook