Cannella, la spezia strepitosa contro il diabete: 5 modi in cui riesce a regolare insulina e glicemia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Conosciuta per le sue potenti proprietà antinfiammatorie, antimicrobiche e antiossidanti, recentemente la cannella viene sperimentata come rimedio alternativo per le persone che soffrono di diabete. Vediamo nel dettaglio i 5 modi in cui la cannella riesce ad abbassare i livelli di glicemia e di zucchero nel sangue.

La cannella è una delle spezie più note ed usate in tutto il mondo, dal gusto e dal profumo inconfondibile è spesso utilizzata nei dolci per aggiungere quel tocco di sapore dolce e piccante allo stesso tempo.

In realtà, la cannella è anche conosciuta per le sue potenti proprietà antinfiammatorie, antimicrobiche e antiossidanti, che la rendono un vero e proprio concentrato di salute per il nostro organismo.

Recentemente, tra i suoi effetti benefici, la cannella viene sperimentata come rimedio alternativo per le persone che soffrono di diabete. Vediamo nel dettaglio i 5 modi in cui la cannella riesce a regolare glicemia ed insulina.

Leggi anche: Cannella: i 10 sorprendenti benefici per la nostra salute

Abbassa i livelli di zucchero nel sangue e migliora il controllo glicemico

Gli effetti della cannella sulla glicemia sono oggetto di molte ricerche, anche se non sono ancora stati chiariti in via definitiva.

Tuttavia, uno studio avrebbe evidenziato come l’assunzione di cannella, sia come cannella intera che come estratto di cannella, si traduca in un abbassamento dei livelli di zucchero nel sangue nei pazienti diabetici. Ciò, ha spinto i ricercatori a ritenere la cannella un’utile terapia alternativa per le persone con diabete di tipo 2 o prediabete.

Un altro studio avrebbe dimostrato un abbassamento dei livelli di zucchero nel sangue. I ricercatori hanno somministrato, ai pazienti diabetici di tipo 2, integratori di cannella in dosi per 4-16 settimane e hanno rilevato una generale riduzione dei livelli di Hb1Ac (indicatore dei livelli di zucchero nel sangue negli ultimi 2-3 mesi).

Ne consegue che, l’assunzione di cannella potrebbe avere sia un impatto immediato nell’abbassamento dei livelli di zucchero nel sangue, che per un migliore controllo glicemico nel complesso.

Aumenta la sensibilità all’insulina

La cannella estenderebbe i suoi effetti benefici anche ai pazienti con prediabete o con primi sintomi di insulino-restistenza.

In tal senso, alcune ricerche avrebbero dimostrato come la cannella possa imitare efficacemente l’insulina e persino rendere l’insulina nel corpo più efficiente, il che aiuta le cellule del corpo a rispondere meglio all’insulina e facilitare il trasporto del glucosio.

Uno studio avrebbe evidenziato, in particolare, come somministrando 3 gr. di cannella al giorno in 8 soggetti, si sarebbe notato un miglioramento della sensibilità all’insulina e del controllo glicemico.

Abbassa i livelli di zucchero nel sangue dopo i pasti

I livelli di zucchero nel sangue aumentano subito dopo un pasto, soprattutto se ricco di carboidrati, generalmente in tutti noi, aumentando il rischio di aggravare o sviluppare malattie croniche come il diabete.

Alcune ricerche avrebbero dimostrato che l’assunzione di cannella insieme a un pasto ricco di carboidrati possa controllare i picchi di zucchero nel sangue dopo un pasto.

Altri studi avrebbero suggerito che la cannella possa svolgere un ruolo importante nel bloccare gli enzimi digestivi che abbattono i carboidrati nell’intestino tenue, abbassando così i livelli di zucchero nel sangue dopo un pasto.

Combatte le infiammazioni

Spesso sintomo iniziale del diabete è l’infiammazione cronica. La cannella avrebbe un potente effetto antinfiammatorio, grazie alla sua abbondanza di flavonoidi, utile per minimizzare i problemi metabolici e prevenire ulteriori complicazioni di salute dovute al diabete.

Inoltre, l’effetto antiossidante della cannella riduce lo stress ossidativo, ossia un tipo di danno cellulare causato dai radicali liberi che favorisce l’insorgenza del diabete.

Riduce il rischio di complicanze del diabete

La cannella, grazie alla sua capacità di ridurre le infiammazioni, controllare i livelli di zucchero nel sangue e prevenirne i picchi improvvisi, può essere in grado di fermare una serie di complicazioni del diabete.

Per esempio, una di queste complicazioni è quella della cardiopatia, per cui è consigliata la cannella come antiossidante naturale in grado di ridurre le infiammazioni e prevenire malattie cardiache.

Ancora, la cannella aiuterebbe a contrastare i disturbi lipidici, in quanto la sua assunzione diminuirebbe i livelli di colesterolo LDL e dei trigliceridi nel sangue.

Inoltre, la cannella regolerebbe la pressione sanguigna. Secondo uno studio, infatti,  l’assunzione di cannella avrebbe abbassato significativamente sia la pressione arteriosa sistolica che diastolica tra le persone con diabete di tipo 2.

Infine, pare che la cannella sia in grado di combattere il rischio di sviluppare il Morbo di Alzheimer, spesso collegato alla patologia diabetica. Uno studio avrebbe evidenziato come l’estratto di cannella possa modulare l’attività delle proteine beta-amiloide, le quali sono collegate all’Alzheimer.

Leggi anche: Alzheimer: gli scienziati hanno finalmente capito perché si sviluppa di più nelle persone con diabete, colesterolo o pressione alta

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Ti potrebbe interessare anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in sociologia e studentessa in media, comunicazione digitale e giornalismo. Curiosa e creativa, le sue passioni sono la scrittura, gli animali e il buon cibo. La sua lingua madre è il dialetto siciliano.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook