Acerola: proprietà, usi e dove trovare la ciliegia delle Barbados

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L'Acerola è una pianta tipica del Sudamerica e della zona tropicale delle Antille e coltivata soprattutto in Brasile. Per il suo aspetto viene chiamata anche "ciliegia delle Barbados", ma per le sue proprietà l'Acerola si avvicina molto di più alle arance

Lite tra elefanti

L’Acerola è una pianta tipica del Sudamerica e della zona tropicale delle Antille e coltivata soprattutto in Brasile. Per il suo aspetto viene chiamata anche “ciliegia delle Barbados“, ma per le sue proprietà l’Acerola si avvicina molto di più alle arance. Anzi…

Proprietà e usi dell’Acerola

Al suo interno l’Acerola ha spicchi dal sapore leggermente acidulo che contengono una quantità di vitamina C decisamente superiore rispetto alle arance e ai kiwi.

Oltre all’elevatissimo quantitativo di vitamina C, l’Acerola contiene provitamina A (quasi quanto le carote), vitamine del gruppo B (in particolare acido pantotenico), bioflavonoidi e tannini. Tra i sali minerali si trovano in gran quantità calcio, ferro e magnesio.

Proprio come le arance, l’Acerola – essendo ricca di vitamina C – è indicata per prevenire e combattere gli stati influenzali, le malattie da raffreddamento e le infezioni del tratto respiratorio.

Stimola, inoltre, le difese immunitarie, sviluppa un’azione antiossidante inattivando i radicali liberi ed è particolarmente utile per combattere il sanguinamento gengivale e svolgere una funzione riequilibrante dei vasi capillari e degli ematomi.

L’assunzione di Acerola risulta comunque utile in tutti i casi di astenia, convalescenza e carenze vitaminiche.

Leggi anche: Vitamina C contro il raffreddore: gli alimenti che ne sono più ricchi

Controindicazioni

L’assunzione di Acerola è sconsigliata a chi soffre di acidità gastrica e di calcolosi renale, perché un eccesso di vitamina C favorisce la formazione degli ossalati che causano proprio i calcoli.

Dove e come si trova

In commercio – nelle farmacie e nelle erboristerie – si trovano compresse, capsule gelatinose, polvere di acerola e il succo di acerola.
Nei paesi di origine i frutti di Acerola vengono consumati freschi e spesso conservati con lo zucchero, ad esempio sottoforma di marmellata.

Germana Carillo

Leggi anche:

– Rimedi naturali contro il raffreddore

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook