Quando prepari il tè freddo non fare questo errore che molti commettono (e può essere pericoloso per la salute)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Quando prepariamo il tè freddo a partire dalle normali bustine, dovremmo sempre utilizzare acqua bollente. Altrimenti rischiamo di non uccidere eventuali germi presenti nel té, ad avvertire dei rischi è il Centro per la consulenza dei consumatori di Brera, in Germania

Ci riscalda durante le fredde giornate invernali ma è adatto anche all’estate, a patto che sia freddo. Parliamo del tè che viene venduto anche già pronto in versione “fredda”. La soluzione migliore, però, rimane quella di prepararlo da soli in casa, così da scegliere le varietà migliori e di maggiore qualità, limitando anche l’uso dello zucchero (che spesso è presente in gran misura nei prodotti confezionati).

Leggi anche: Sai quanto zucchero c’è davvero in un brick di tè freddo?

C’è però un errore che assolutamente non va fatto, a sottolinearlo è il Centro di consulenza ai consumatori di Brema. Si tratta di utilizzare le bustine direttamente in acqua fredda, ritenendo erroneamente che si possa fare e sia più pratico, dato che poi vogliamo gustare il tè appunto freddo.

Non sempre però, ricordano gli esperti, questo è possibile e se si tratta di un tè non adatto a tale tipo di preparazione, si rischia anche di andare incontro a qualche problema di salute.

Il motivo è molto semplice: alcune miscele possono contenere germi come batteri, lieviti o muffe e rappresentano un rischio per la salute, soprattutto per neonati, bambini o persone con patologie.

Per evitare ogni rischio, quindi, è sempre bene (a meno che non si scelgano apposite miscele in cui versare già acqua fredda), utilizzare acqua bollente sul tè e lasciarlo in infusione per almeno cinque minuti. In questo modo, infatti, gli eventuali germi presenti saranno uccisi. Dopo, se si vuole consumare freddo, basta lasciarlo a temperatura ambiente e poi metterlo nel frigorifero.

Le miscele speciali di tè da fare freddo, invece, sono trattate con un processo a vapore che le surriscalda in modo tale da evitare proprio la proliferazione di microrganismi. Tali miscele, però, ricordano gli esperti tedeschi, non sono adatte ai bambini, spesso infatti sono a base di tè nero e contengono caffeina.

A seguire trovate 10 ricette di tè freddo da preparare in casa:

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Verbraucherzentrale Bremen

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook