Creato salmone vegetale in 3D: ha gli stessi nutrienti del pesce, ma senza mercurio e antibiotici

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La start up israeliana Plantish ha creato il primo filetto di salmone 100% vegetale che sarà lanciato sul mercato nel 2024

Le alternative vegetali a carne, pesce e uova sono sempre più richieste e tante aziende nel mondo si stanno organizzando per creare prodotti innovativi. Una startup israeliana ha recentemente annunciato di aver prodotto un perfetto filetto di salmone, stampato in 3D e completamente vegetale.

Parliamo dell’azienda Plantish, con sede a Rehovot, che ha realizzato un taglio di salmone completamente strutturato e disossato che vanta lo stesso valore nutritivo del pesce ma ha il vantaggio in più di non contenere mercurio e tossine.

Si tratta del primo prodotto che imita l’aspetto, il gusto e la consistenza di questo pesce. L’azienda ha da poco presentato il prototipo e annunciato che sta sviluppando una tecnologia di produzione per realizzare alternative di pesce a base vegetale, a basso costo e su larga scala, con l’obiettivo principale di evitare lo spopolamento degli Oceani.

Per quanto riguarda il salmone, tra l’altro, sappiamo che la sua produzione negli allevamenti è davvero insostenibile. Leggi anche: Salmoni uccisi per asfissia, antibiotici e lavoro minorile: la terribile realtà dietro gli allevamenti ‘simbolo d’eccellenza’ 

La cosa che stupisce di più è che l’azienda dichiara che il suo primo prodotto, appunto il salmone, è nutriente al pari dell’originale e dunque ricco di proteine, acidi grassi omega 3 e omega 6 e vitamine del gruppo B, ma senza mercurio, antibiotici, ormoni, microplastiche e tossine che si trovano spesso nelle specie selvagge o di acquacoltura.

La società ha affermato di aver optato per la complessità della produzione a taglio intero piuttosto che per quella macinata, per soddisfare le aspettative dei clienti.  Circa l’80% del salmone, infatti, viene consumato intero o a filetto.

Il prodotto vegetale realizzato da Plantish può essere cucinato nello stesso modo in cui viene preparato il salmone normale. Ma l’azienda non intende fermarsi qui e ha già in programma di produrre anche altri tipi di pesce su base vegetale, compresi mitili e crostacei.

Curiosi di provare il salmone vegano? Il lancio commerciale è però ancora lontano ed è previsto per il 2024. La startup ha però annunciato che il suo salmone vegetale sarà lanciato in località pop-up selezionate entro la fine del 2022.

La Plantish non è l’unica azienda che lavora ad alternative vegetali al pesce. Ci sono ad esempio la spagnola Mimic Seafood che ha lanciato un prodotto a base di tonno l’anno scorso, mentre la startup statunitense Ocean Hugger Foods ha sviluppato un’alternativa vegetale al tonno crudo e all’anguilla cruda (per il sushi) nel 2019.

Noi vi avevamo parlato dell’Impossibile Food che dopo la carne vegetale, già nel 2019, stava lavorando ad un prodotto ittico alternativo. Leggi anche: Impossibile Food: dopo la carne senza carne ora arriva il pesce senza pesce

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Plantish / Times of Israel

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook