Arriva il primo “salmone affumicato” vegano a base di alga spirulina

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il salmone è uno degli alimenti che inquinano di più in assoluto: dal desiderio di sostenibilità nasce l'idea di creare una versione "vegan" di questo prodotto fra i più consumati al mondo

Il brand israeliano SimpliiGood ha messo a punto con successo un prodotto alternativo al salmone affumicato, ottenuto utilizzando esclusivamente alga spirulina. L’azienda, che da anni si occupa della produzione di prodotti vegetali fra cui bevande, gelati e sostituti della carne, si lancia anche nel mercato dell’alternative seafood – un settore in espansione visto il numero sempre crescente di persone che passano ad un’alimentazione vegetale ma che non vogliono abbandonare certi sapori.

Simile in nella texture, nel colore e nel sapore al tradizionale salmone affumicato, il prodotto rivoluzionario è stato creato in collaborazione con la multinazionale newyorkese International Flavors and Fragrances (IFF). Questo rivoluzionario “salmone vegano” deriva esclusivamente dall’alga spirulina: anche il tipico colore rosa-arancio, associato al pesce, viene reso sfruttando la pigmentazione naturale della pianta.

L’alga spirulina (Arthrospira platensis) è una microalga di colore verde-azzurro ricca di proteine facilmente assimilabili da parte del nostro organismo e di una particolare tipologia di calcio vegetale al quale sono state attribuite proprietà anticancro. Viene utilizzata per la preparazione di integratori naturali dall’effetto depurativo e disintossicante.

Si tratta, dunque, di un vero e proprio “super-alimento” di origine completamente vegetale, ottimo sostituto delle proteine provenienti dalla carne o dal pesce. L’alga utilizzata da SimpliiGood è priva di elementi inquinanti, coltivata in modo sostenibile dall’azienda, e dà vita ad un prodotto sano e buono, ideale per chi vuole mangiare bene ma al contempo impattare il meno possibile sull’ambiente.

Il salmone (con un giro di affari annuo di 5.2 mld di dollari) è uno dei cibi più inquinanti al mondo: per la sua produzione vengono pescati pesci che potrebbero essere destinati al consumo umano o che potrebbero restare addirittura in mare, scongiurando così il rischio di depauperamento degli ecosistemi marini; negli allevamenti intensivi proliferano batteri e infezioni, talvolta vere e proprie epidemie, per non parlare del fatto che la carne è resa artificialmente rosa attraverso l’uso di carotenoidi chimici.

(Leggi anche: Salmone: 10 valide ragioni per non mangiarlo)

Ecco perché non dovremmo consumarlo, o dovremmo per quanto possibile limitarne il consumo al minimo, se proprio non riusciamo a farne a meno. Per fortuna, molte start-up si stanno muovendo per creare alternative vegetali e sostenibili al pesce e ai frutti di mare, in modo da soddisfare il palato degli amanti del pesce senza causare altri danni all’ambiente.

Solo in Israele, nell’ultimo anno, sono state cinque le nuove start-up che si sono occupate di alternative seafood: oltre a SimpliiGood ricordiamo Sea2Cell, E-FISHient Protein, Forsea, Wanda Fish e Plantish – quest’ultima ha lanciato lo scorso gennaio il primo filetto di salmone ultra-realistico realizzato interamente con ingredienti vegetali, che dovrebbe entrare in commercio a partire dal 2024.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: MAKO Israel

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook