Questa è la quantità di alcol che si può consumare in sicurezza (la risposta non è quella che ti aspetti)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L'OMS ha messo a punto un nuovo piano d'azione che ha l'obiettivo di ridurre il consumo pro capite di alcol, poiché nessun consumo è privo di rischi per la nostra salute

Integratori 100% naturali

Il consumo di alcol è da sempre terreno di dibattito all’interno della comunità scientifica, che continua a dividersi fra chi consiglia un consumo “terapeutico” (il famoso mezzo bicchiere di vino a pranzo) e un divieto assoluti di bere alcolici, soprattutto se si è in presenza di malattie croniche quali ipertensione o obesità.

Sulla questione si è recentemente espressa l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) nell’ambito di un piano di azione volto a ridurre il consumo pro capite di alcolici del 10% entro il 2025. Come dimostrato da numerosi studi recenti, infatti, non è possibile limitare i confini di un consumo “non nocivo” dell’alcol.

In pratica, non è possibile definire un livello di consumo di alcolici che sia sicuro per la nostra salute, poiché qualunque forma e quantità di alcol è responsabile di danni alla nostra salute. Pertanto qualsiasi consumo è da sconsigliare se si vuole restare in salute.

La misura di riduzione del consumo di alcol si inserisce nello European framework for action on alcohol 2022-2025 messo ai voti a Tel Aviv nelle scorse settimane. In questa “cornice europea” non si fa distinzione fra consumo moderato di alcol e abuso di bevande alcoliche – come si è soliti fare quando si viene al tema – ma ogni forma di consumo, anche la più moderata, viene considerata dannosa per la salute.

Per favorire la riduzione del consumo di alcol e raggiungere gli obiettivi entro il 2025, sono state disposte diverse misure – dall’aumento della tassazione sugli alcolici al divieto di pubblicità di questi prodotti fino alla diminuzione della disponibilità di bevande alcoliche in commercio. Insomma, si prospetta un vero e proprio proibizionismo che non piace affatto a chi si occupa della produzione e della vendita di alcolici.

È una notizia che ci preoccupa profondamente – spiega Vittorio Cino, Direttore Generale di Federvini – è prevalsa una linea demonizzante e proibizionistica. Il documento dell’Oms Europa non fa alcuna distinzione tra consumo e abuso e criminalizza di fatto milioni di consumatori e centinaia di migliaia di produttori.  È un chiaro tentativo di influenzare il dibattito europeo che è in corso a Bruxelles in materia di etichettatura e corretta informazione del consumatore.

Riteniamo che imporre ricette di questo tipo, composta da tassazione, messaggi allarmistici e restrizioni normative, sia non solo dannoso ma del tutto inutile. I risultati sul campo, e non gli astrusi algoritmi presentati, dimostrano che il proibizionismo ha sempre fallito.

QUI è possibile leggere il comunicato completo dell’OMS.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonti: Organizzazione Mondiale della Sanità / Federvini

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook