Heinz lancia ketchup con pomodori “marziani” (ed è il segno tangibile che abbiamo distrutto il Pianeta)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L'azienda Heinz ha realizzato un ketchup prodotto con pomodori coltivati in un ambiente simile a quello di Marte, ne avevamo davvero bisogno?

Che sapore avrebbero i pomodori coltivati su Marte? Può sembrare una domanda bizzarra, ma è quello che si è chiesta l’azienda statunitense Heinz, specializzata nella produzione di salse e condimenti. Recentemente la società ha deciso di cimentarsi un’impresa: realizzare un ketchup utilizzando dei pomodori coltivati in un ambiente che simula le condizioni climatiche e del suolo del pianeta Marte. Per riuscirci si è rivolta ad un team dell’Aldrin Space Institute della Florida Tech. Ed è così che è nato lo speciale ketchup “Marz Edition”.

I pomodori sono stati coltivati in una particolare serra, che prende il nome di “Redhouse”, costruita sul terreno dell’Aldrin Space Institute presso il Florida Institute of Technology. In questo ambiente sono stati installati numerosi LED e per il suolo è stato utilizzato del materiale prelevato dal deserto del Mohave, simile alla regolite che si trova sul Marte.

Prima d’ora, la maggior parte degli sforzi per scoprire modalità di crescita in condizioni simulate marziane sono rappresentati da studi  sulla coltivazione delle piante a breve termine – spiega Andrew Palmer, professore associato dell’Aldrin Space Institute – Ciò che questo progetto ha fatto è stato guardare alla raccolta a lungo termine del cibo.

Se vi state domandando se sarà possibile acquistare il Ketchup Marz Edition, la riposta è no (perlomeno non per il momento). Si tratta, infatti, principalmente di un’operazione che coniuga marketing e ricerca scientifica. 

Umanità alla conquista di nuovi pianeti, mentre il nostro è agonizzante

Ma qual è il fine ultimo di questo esperimento? Prepararsi alla coltivazione dei pomodori su Marte? In poche parole sì, anche se in un futuro non troppo vicino. Ormai gli esperimenti di produzione alimentare in “condizioni spaziali” stanno aumentando in varie parti del mondo. Ad esempio, ad Abu Dhabi – dove il cambiamento climatico provocato un incremento della desertificazione – gli scienziati tentando di coltivare semi più resistenti nello spazio, in grado di resistere a condizioni climatiche avverse.

Insomma, l’esperimento della multinazionale Heinz è l’ennesima conferma che stiamo distruggendo la Terra, situazione che ci sta spingendo sempre di più a pensare di “conquistare” nuovi Pianeti… invece di salvare il nostro!

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Heinz

Leggi anche:

 

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook