Gli integratori vitaminici sono uno “spreco di denaro” e i benefici sarebbero solo psicologici, il monito degli scienziati

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Secondo una recente ricerca gli integratori multivitaminici sarebbero inutili per le persone sane, poiché non ci sono prove sufficienti sugli effetti benefici che possono avere sulla salute se non si ha una carenza accertata

I multivitaminici sono uno spreco di denaro per la maggior parte delle persone, e ci sono poche prove che prevengono le malattie croniche.

Questo è quanto risulta da un nuovo studio che ha analizzato l’uso degli integratori in relazione al rischio di sviluppare malattie cardiache o cancro.

Il settore degli integratori registra ogni anno un vero e proprio boom, con una stima di 20 milioni di persone che assumono una qualche forma di integratore ogni giorno; ma la nuova meta analisi ha rilevato, invece, che non ci sono prove a sostegno dell’efficacia di questi prodotti.

In particolare sul beta carotene, un popolare integratore di potenziamento immunitario, la revisione ha scoperto che potrebbe causare dei danni.

Secondo i ricercatori solo le persone che hanno una carenza vitaminica possono trarre beneficio dall’assunzione di integratori alimentari, come calcio e vitamina D, perché ad esempio aiutano a prevenire fratture e cadute negli anziani.

I ricercatori hanno invitato il resto delle persone a un maggiore consumo di frutta e verdura, perché sono associate a una diminuzione delle malattie cardiovascolari e del rischio di cancro.

Di conseguenza, è molto meglio assumere le vitamine e i minerali chiave seguendo una dieta sana ed equilibrata. Infatti, mangiando la giusta porzione di frutta e verdura otteniamo vitamine, sostanze chimiche vegetali, fibre e altri nutrienti che migliorano la salute.

Leggi anche: Integratori multivitaminici e minerali non apportano alcun beneficio alla nostra salute. Lo studio

Alcuni studi precedenti suggerivano che vitamine, come la C e la E, possono ridurre il rischio di malattie cardiache; ad esempio, la vitamina A, la vitamina C, la vitamina E e il beta-carotene contengono antiossidanti un tempo ritenuti utili per ridurre il rischio di cancro.

Nella nuova ricerca, invece, gli scienziati hanno esaminato 84 studi su vitamina E, A, beta carotene e multivitaminici.

Per quanto riguarda la vitamina E, è stato dimostrato che l’integratore non ha avuto alcun effetto benefico sulle malattie cardiovascolari o sul cancro.

L’analisi condotta su persone che fumavano, o erano esposte all’amianto hanno mostrato un rischio del 18% di sviluppare cancro ai polmoni in coloro che assumevano beta carotene.

Nel complesso, la revisione ha rilevato che ci sono prove insufficienti per l’utilizzo di multivitaminici come trattamento per proteggersi dal cancro o dalle malattie cardiache.

Quindi, secondo i ricercatori assumere quotidianamente integratori multivitaminici è uno spreco di soldi, perché l’unico modo per stare in salute è basarsi sull’evidenza scientifica secondo cui la via migliore è mangiare sano e fare esercizio fisico in modo costante.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok |   Youtube

Fonte: JAMA

Sugli integratori ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook