Turkesterone: cos’è e perché non dovresti usare l’integratore per incrementare la massa muscolare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Cos'è il turkesterone? Come si usa e perché viene usato come integratore per gli sportivi? E' davvero sicuro da utilizzare?

Hai mai sentito paralre del turkesterone? Si tratta di un nuovo integratore che sta prendendo piede tra chi pratica bodybuilding o fitness per incrementare la massa muscolare, ma che cos’è? Ed è davvero sicuro da utilizzare?

Il turkesterone, in pratica, è per gli animali e le piante ciò che il testosterone è per gli esseri umani, quindi si sta diffondendo la convinzione  che si possa consumare per contribuire alla crescita muscolare.  Tuttavia, non vi sono ricerche in grado di supportare questa tesi e, fino a quando non saranno fatte ulteriori analisi e non saranno noti i possibili effetti collaterali, sarebbe bene evitare di acquistare e assumere questo integratore.

Cos’è il turkesterone e cosa dicono gli studi

Come ha spiegato bene in un suo video il bodybuilder Jeff Nippard, il turkesterone è  uno dei tanti tipi di ecdisteroidi, ossia l’equivalente vegetale o per gli insetti di ormoni come il testotsterone e si sta diffondendo la convinzione che, proprio come quest’ultimo, potrebbe aiutare a costruire i muscoli anche per l’uomo. Da qui la nascita di pillole di turkesterone e la prime, timide ricerche su questo ormone

Il primo studio sul turkesterone è stato pubblicato nel 1978, e ce ne sono stati altri negli anni successivi, sporadici e senza risultati importanti.

In una ricerca del 2006, alcuni bodybuilder sono stati divisi in gruppi, e a uno dei gruppi è stato somministrato un integratore di ecdisterone. Dopo 8 settimane, i risultati non hanno mostrato differenze tra i gruppi che hanno assunto l’integratore di ecdisterone e il gruppo che ha assunto il placebo.

Un altro studio più recente, del 2018, ha concluso che gli ecdisteroni, incluso il turkesterone, non sono raccomandati come integratori per aumentare le prestazioni dell’allenamento.

L’ultimo studio risale al 2019, e in questa ricerca dopo 10 settimane di allenamento, il gruppo che stava integrando con ecdisterone ha visto guadagni muscolari maggiori rispetto al gruppo che ha assunto il placebo. Tuttavia, secondo i ricercatori i risultati possono anche essere dei falsi positivi; in più, questo studio non sono stati eseguiti utilizzando turkesterone, ma ecdisterone, che non è esattamente la stessa cosa. Per tale ragione, sono necessarie ulteriori ricerche e analisi per confermare la sicurezza del turkesterone.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Ti potrebbe interessare:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook