Cancro: non abusare di questo popolare integratore! Potrebbe aumentare i rischi di sviluppare alcuni tipi di tumore

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una ricerca ha evidenziato come un’assunzione eccessiva e prolungata di integratori, possa rappresentare un rischio nascosto per la salute del nostro organismo. Scopriamo insieme quali sono gli integratori più pericolosi.

Gli integratori multivitaminici vengono assunti da milioni di persone in tutto il mondo, spesso per compensare eventuali carenze di vitamine o minerali.

Ma una ricerca ha evidenziato come un’assunzione eccessiva e prolungata di integratori, possa rappresentare un rischio nascosto per la salute del nostro organismo.

In particolare, uno studio ha dimostrato come una dose eccessiva di integratori di selenio potrebbe aumentare il rischio di sviluppare alcuni tumori.

Ti potrebbe interessare anche: Integratori alimentari: funzionano davvero? Sono pericolosi? I migliori e i peggiori tra i 120 prodotti analizzati

Lo studio

Secondo uno studio, è emerso un collegamento tra eccessiva assunzione di integratori multivitaminici e complessivo rischio di sviluppare alcuni tumori.

I ricercatori hanno esaminato 489.640 soggetti di età compresa tra i 50 e i 71 anni nel NIH AARP Diet and Health Study, associazione americana che studia la salute e lo stile di vita dei pensionati per la prevenzione del cancro.

Sono stati considerati, inoltre, i principali tumori presenti nei registri statali e alcuni fattori come l’età, il peso corporeo, il fumo, l’attività fisica e l’uso di integratori multivitaminici.

È emerso che il rischio più alto di sviluppare tumori è maggiore nei soggetti di sesso maschile che hanno assunto uno o più multivitaminici al giorno, rispetto ai soggetti che non ne avevano fatto ricorso.

Tra i tumori, i rischi maggiori erano connessi al cancro alla prostata, al colon e alla leucemia. Per le donne, invece, il rischio maggiore è rappresentato dal cancro al colon e orofaringeo.

Gli integratori più “dannosi”

Una ricerca dell’associazione Cochrane pubblicata nel 2018 ha esaminato un minerale essenziale chiamato selenio, per vedere se gli integratori di selenio potevano ridurre il rischio di cancro.

Dopo aver esaminato tutte le informazioni, è emerso che il selenio non riduceva il rischio di cancro. Anzi, è emersa una maggiore incidenza di cancro alla prostata e di diabete di tipo 2.

Un altro studio ha evidenziato come un eccesso di integratori di beta-carotene possa aumentare il rischio di sviluppare il cancro ai polmoni e allo stomaco.

Nello specifico, sono stati analizzati circa 29.000 fumatori maschi ed isolando un gruppo che assumeva 20 mg di beta-carotene al giorno da circa 5-8 anni, è emerso un aumento del 18% di cancro ai polmoni.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in sociologia e studentessa in media, comunicazione digitale e giornalismo. Curiosa e creativa, le sue passioni sono la scrittura, gli animali e il buon cibo. La sua lingua madre è il dialetto siciliano.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Facebook