Contrordine! Miele amico della glicemia: due cucchiai al giorno riducono i livelli di zuccheri nel sangue e il colesterolo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un recente studio dell’Università di Toronto ha analizzato il consumo di miele, e ha rivelato che può ridurre il rischio di sviluppare patologie croniche come il diabete

Il consumo di due cucchiai di miele può aiutare a bilanciare la glicemia e migliorare i livelli di colesterolo, questo è il risultato di un nuovo studio.

Gli esperti hanno affermato che sostituire gli edulcoranti con il miele può ridurre i rischi di malattie associate al consumo eccessivo di zucchero, come il diabete di tipo 2, le malattie cardiache e la steatosi epatica non alcolica.

I ricercatori dell’Università di Toronto hanno analizzato i risultati di 18 studi che hanno coinvolto più di 1.100 partecipanti, e hanno scoperto che il miele grezzo proveniente da un’unica fonte floreale ha avuto un effetto positivo.

Hanno scoperto che abbassa la glicemia a digiuno e il numero di lipoproteine ​​a bassa densità (o “colesterolo cattivo”) nel sangue.

Leggi anche: Questa varietà di miele contiene una quantità di antiossidanti che ha stupito anche gli scienziati (e non è quello di Manuka)

Lo studio

Tutti i partecipanti allo studio hanno seguito una dieta generalmente sana, e lo zucchero rappresentava il 10% o meno del loro apporto calorico giornaliero.

I dati hanno scoperto che il miele proveniente da un’unica fonte floreale produceva costantemente effetti neutri o benefici sul corpo.

Ai partecipanti sono stati dati in media 40 grammi, circa due cucchiai di miele al giorno, nel corso di otto settimane.

La maggior parte dei benefici è stata osservata nelle persone che consumavano miele grezzo, da alberi di acacia o robinia.

Tauseef Khan, un ricercatore senior presso la Facoltà di Medicina dell’Università, ha affermato che:

I risultati sono stati sorprendenti perché il miele contiene circa l’80% di zucchero. Ma è anche una composizione complessa di zuccheri comuni e rari, proteine, acidi organici e altri composti bioattivi che molto probabilmente hanno benefici per la salute.

I ricercatori hanno inoltre dichiarato che:

Non stiamo dicendo di iniziare a mangiare il miele, bensì di sostituire lo zucchero da tavola e gli edulcoranti con il miele.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube 

Fonte: University of Toronto

Ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.