Cos’è e sintomi dell’influenza del pomodoro, il nuovo virus che sta colpendo i bambini in India

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ha un nome strano, Tomato Flu, “influenza del pomodoro”, perché sostanzialmente le vesciche che si vanno a formare hanno l’aspetto di tanti piccoli pomodori. Ma cos'è il nuovo virus i cui sintomi sono sostanzialmente uguali a quelli di molti altri?

Integratori 100% naturali

Dopo il Covid e il vaiolo delle scimmie, mancava la cosiddetta influenza del pomodoro a preoccupare le autorità sanitarie. Il virus è stato rilevato per la prima volta il 6 maggio nello stato meridionale del Kerala, in India, e al 26 luglio si contavano 82 casi.

Conosciuta anche come febbre del pomodoro, è una variante dell’afta epizootica (HFMD) che si caratterizza per la formazione di vesciche rosse, che che gradualmente si ingrandiscono fino alle dimensioni di un pomodoro. Ma gli scienziati non hanno ancora scoperto la sua esatta natura.

Certo è che si tratta di un virus endemico (non mortale) che sembra colpire con maggior frequenza i bimbi di età inferiore a 5 anni.

Al momento sembra che il virus riesca a diffondersi tramite contatto ravvicinato, toccando superfici sporche o mettendo degli oggetti in bocca.

I sintomi dell’influenza del pomodoro

Secondo un report pubblicato su Lancet Respiratory Medicine Journal, i sintomi primari osservati nei bambini con influenza da pomodoro sono simili a quelli della chikungunya, che includono febbre alta, eruzioni cutanee e dolore intenso alle articolazioni.

Tra i sintomi sono stati segnalati tra i bambini ci sono quindi:

  • fastidiose vesciche rosse
  • febbre
  • dolori articolari
  • mal di stomaco
  • mal di testa

Come con altre infezioni virali, ulteriori sintomi includono anche:

  • affaticamento
  • nausea
  • vomito
  • diarrea
  • disidratazione
  • gonfiore delle articolazioni
  • dolori muscolari
  • sintomi comuni simil-influenzali, che sono simili a quelli manifestati nella dengue

Nei bambini con questi sintomi vengono eseguiti test molecolari e sierologici per la diagnosi di dengue, chikungunya, virus zika, virus varicella-zoster e herpes. Una volta escluse queste infezioni virali, viene confermato il virus del pomodoro. Poiché l’influenza del pomodoro è simile alla chikungunya e alla dengue, così come alle malattie della mano, dell’afta epizootica, anche il trattamento è simile: isolamento, riposo, abbondanza di liquidi e spugna con acqua calda per alleviare irritazioni ed eruzioni cutanee. Sono necessari una terapia di supporto con paracetamolo per febbre e dolori muscolari e altri trattamenti sintomatici.

Secondo gli ultimi dati, nuove infezioni sono state segnalate anche negli stati del Tamil Nadu e nell’Odish.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: The Hindu

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook