Se sei allergico al polline, agguingi questi cibi alla tua dieta per ridurre i sintomi (ma evita questi frutti)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ci sono alcuni cibi da aggiungere alla propria dieta (e altri da evitare) utili per riuscire a ridurre i sintomi delle allergie stagionali.

Ecco il carrello smart per la spesa

Ci sono alcune modifiche da effettuare nella propria dieta se si sta soffrendo di allergie e si vogliono evitare delle reazioni avverse. Le allergie stagionali tipiche delle stagioni primaverile ed estiva si sviluppano quando il sistema immunitario reagisce in modo eccessivo agli allergeni, come il polline delle piante, provocando molta congestione, starnuti e prurito. (Leggi anche: Antistaminici naturali: i 10 cibi e rimedi più efficaci per le allergie)

Oltre alle terapie che comprendono farmaci e medicinali, le allergie possono essere contrastate anche attraverso dei cambiamenti negli stili di vita, come l’aggiunta di determinati cibi nella dieta che potrebbero effettivamente aiutare ad alleviare sintomi come il naso che gocciola e la lacrimazione. Dalla riduzione dell’infiammazione al rafforzamento del sistema immunitario, ci sono una serie di alimenti che possono aiutare a mitigare le miserie delle allergie stagionali. Vediamone alcuni.

Zenzero

Molti degli spiacevoli sintomi di allergia derivano da problemi infiammatori, come gonfiore e irritazione dei passaggi nasali, degli occhi e della gola. Lo zenzero può aiutare a ridurre questi sintomi in modo naturale. È stato dimostrato che contiene dei composti fitochimici antiossidanti e antinfiammatori. Gli esperti stanno poi esplorando come questi composti possano essere utili per combattere le allergie stagionali. In uno studio effettuato sugli animali nel 2016, lo zenzero è riuscito a sopprimere la produzione di proteine ​​pro-infiammatorie nel sangue dei topi, il che ha portato a una riduzione dei sintomi allergici.

Polline d’api

Il polline d’api non è solo cibo per le api, è anche commestibile per gli esseri umani. Questa miscela di enzimi, nettare, miele, polline di fiori e cera viene spesso venduta come curativo per allergie e sintomi del raffreddore. Le ricerche scientifiche mostrano che il polline d’api può avere proprietà antinfiammatorie, antimicotiche e antimicrobiche e anche prevenire reazioni allergiche.

Il polline d’api viene venduto come piccole palline con un sapore agrodolce, che possono essere aggiunte nello yogurt o nei frullati.

Frutti di bosco

Bacche e frutti di bosco sono pieni  di vitamina C, utile per prevenire il comune raffreddore e i sintomi allergici, come rinite allergica e irritazione del tratto respiratorio superiore (spesso causata proprio dai pollini). Quindi, durante la stagione delle allergie, sentiti libero di fare il pieno di frutti rossi ad alto contenuto di vitamina C come peperone dolce e frutti di bosco. (Leggi anache: Questi sono i frutti e le verdure insospettabili che hanno molta più vitamina C di un’arancia)

Curcuma

La curcuma ha potenti proprietà antinfiammatorie, collegate alla riduzione dei sintomi di molte malattie e utili a ridurre al minimo il gonfiore e l’irritazione causati dalla rinite allergica. Sebbene gli effetti della curcuma sulle allergie stagionali non siano stati studiati a fondo negli esseri umani, gli studi sugli animali sono promettenti. Uno di questi ha mostrato che il trattamento dei topi con la curcuma ha ridotto la loro risposta allergica.

Pomodori

I pomodori sono un’altra fonte ricca di vitamina C, un pomodoro di medie dimensioni, infatti, ne contiene circa il 26% del valore giornaliero raccomandato.

Inoltre, i pomodori contengono licopene, un altro composto antiossidante che aiuta a contrastare l’infiammazione. Il licopene viene assorbito più facilmente dal corpo quando è cotto.

Cipolle

Le cipolle sono un’eccellente fonte naturale di quercetina, un flavonoide venduto anche come integratore alimentare. Alcune ricerche suggeriscono che la quercetina agisce come un antistaminico naturale, riducendo i sintomi delle allergie stagionali. Poiché le cipolle contengono poi anche una serie di altri composti antinfiammatori e antiossidanti, non puoi sbagliare includendoli nella tua dieta durante la stagione delle allergie.

Ricordati che la cottura può ridurre la quantità di quercetina, quindi per un massimo impatto dovresti mangiarle crude.

Frutta secca

La frutta secca come le noci contengono alte quantità di magnesio, utile per aiutarti a respirare meglio. Basta pensare le persone che soffrono d’asma hanno spesso bassi livelli di magnesio. Aggiungile alla tua dieta per liberare le vie respiratorie.

Evita di mangiare le mele e questi 10 frutti

Le mele sono da evitare se si soffre di allergie stagionali, poiché possono peggiorare la situazione a causa di allergeni simili che sono presenti sia in questo particolare frutto che nei pollini.

Stesso discorso per questi 10 frutti:

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Sulle allergie ti potrebbero interessare anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureando di Organizzazione e marketing per la comunicazione d'impresa all'Università La Sapienza, appassionato del web e delle dinamiche del mondo digitale.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook