Allarme tonno contaminato da istamina: ritirati due lotti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Nuova allertaalimentare. Il Ministero della salute ha ritirato due lotti di tonno pinne gialle decongelato e importato dalla Spagna perché responsabile di aver provocato delle intossicazioni alimentari e sindrome sgombroide. Alla base un eccesso di istamina

Ecco il carrello smart per la spesa

Nuova allerta alimentare. Il Ministero della salute ha ritirato due lotti di tonno pinne gialle decongelato e importato dalla Spagna perché responsabile di aver provocato delle intossicazioni alimentari e sindrome sgombroide. Alla base un eccesso di istamina.

Il 1° giugno il Ministero ha fatto sapere che il consumo di questi lotti di tonno sarebbero associati a diversi episodi di intossicazione in Puglia, Lazio, Basilicata e Veneto.

Secondo quanto riportato dalla nota ministeriale, si tratta del tonno spagnolo commercializzato col marchio Ittica Zu Pietru Srl, con stabilimento a Bisceglie (BT).

In particolare, il richiamo riguarda le confezioni da 2 kg caratterizzate dai seguenti numeri di lotto: 753180517 e 753200517 con date di scadenza rispettivamente 02/06/2017 e 07/06/2017.

Nei due lotti sarebbero stati trovati livelli di istamina superiore a quanto previsto dall”ex Reg 2073/2005 smi.

allerta tonno

Un’allerta che potrebbe ricondursi a quella diramata circa un mese fa dal Ministero della salute spagnolo, successivamente diffusa anche dal nostro Ministero. Il 12 maggio scorso infatti l’Agencia Española de Consumo Seguridad Alimentaria y Nutrición aveva fatto sapere che vi erano diversi focolai di sindrome sgombroide. In seguito, le Autorità sanitarie italiane avevano provveduto a porre sotto sequestro le partite ricevute.

Per approfondire: ALLARME TONNO CONTAMINATO DA ISTAMINA: AGGIORNAMENTI E TUTTA LA VERITÀ

In generale, il pesce se conservato male o troppo a lungo può essere rischioso per la nostra salute in quanto troppo ricco di istamina. I pesci più pericolosi in questo senso sono tonno, sgombro, sardine e aringhe in scatola.

Sindrome sgombroide

La sindrome sgombroide è una patologia simil-allergica che deriva dall’ingestione di pesce alterato che contiene istamina.

Come si manifesta? I sintomi sono piuttosto comuni e facilmente riconoscibili: dall’arrossamento della pelle al prurito, dalla cefalea al bruciore orale, ma anche crampi addominali, nausea, diarrea.

LEGGI anche:

Controllate il lotto e se avete acquistato questo prodotto non consumatelo e riportatelo presso il punto vendita per ottenere un cambio o un rimborso.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook