Fungicida oltre i limiti, richiamata questa nota marca di riso: i lotti da non consumare 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Possibile presenza di un fugicida oltre i limiti di legge: l'azienda Curti Srl ha predisposto il richiamo volontario di alcuni lotti di riso dai supermercati italiani. Ecco di quali si tratta

Se di recente avete acquistato il riso a marchio Curtiriso, fate attenzione. Come segnalato anche dal Ministero della Salute, di recente è scattato il richiamo di alcuni lotti in via precauzionale – su richiesta dell’azienda – per rischio chimico. Il motivo? L’alimento in questione potrebbe contenere tracce di un fungicida oltre i limiti consentiti della legge.

Nello specifico si tratta del Triciclazolo, una sostanza che viene usata nelle risaie per combattere l’infezione di Brusone (Piricularia oryzae), considerata la più dannosa malattia fungina del riso.

I lotti di riso oggetto del richiamo

Il richiamo riguarda il Riso Vialone Nano, adatto ai risotti e prodotto da Curti srl, e sono interessate le confezioni da 1 chilo (2×500 grammi) sottovuoto con i seguenti numeri di lotto:

  • P22101164
  • P22100472

Entrambi i i lotti riportano la stesso stesso termine minimo di conservazione, ovvero 18-10-2024. Per ulteriori informazioni potete contattare il numero verde (800036457) dell’azienda.

La precisazione dell’azienda

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato da parte dell’azienda Curti:

Curti Srl ritiene opportuno precisare:
– Nell’ambito del “Piano di Monitoraggio” attività di autocontrollo sistematicamente effettuata sulle materie prime e prodotti finiti, l’analisi di riferimento effettuata da laboratorio accreditato ha rilevato, su alcuni lotti di riso Vialone Nano, la presenza di triciclazolo;
– Avuta la disponibilità delle analisi, e grazie al sistema di tracciabilità / rintracciabilità di ogni singolo lotto di cui è dotata l’azienda, verificato che una parte dei lotti era già stata consegnata per la distribuzione, in via precauzionale e ad assoluta garanzia della sicurezza
alimentare dei consumatori, Curti Srl ha provveduto in forma volontaria ai relativi richiami e ritiri dal mercato e ha contestualmente informato le Autorità competenti per l’avvio delle attività di allerta e controllo;
– Nel contempo, poiché la possibile presenza di triciclazolo dipende esclusivamente dal suo utilizzo nella fase di coltivazione del riso da parte dell’agricoltore, Curti Srl ha immediatamente contestato la circostanza al fornitore dei lotti di risone Vialone Nano dai quali è stato ricavato il riso oggetto del volontario ritiro e richiamo, avviando le conseguenti iniziative.
-Considerando che l’allerta diramato dalle Autorità origina proprio, dalla segnalazione effettuata da Curti Srl all’esito dell’attività di controllo qualità da essa sistematicamente operato – attività di controllo la cui utilità ed efficacia risulta inequivocabilmente confermata dall’episodio in discussione – e che, ancor prima di ogni prescrizione dell’Autorità, anche a rischio del clamore che ne poteva derivare.

Inoltre, la società specifica che nell’ambito dei controlli della sicurezza, Curti Srl ha immediatamente avviato l’attività volontaria di ritiro precauzionale dei lotti distribuiti.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Ministero della Salute 

Leggi tutte le nostre allerte alimentari:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook