Ossido di etilene: il pesticida è anche nello zenzero, nuovi richiami per uno scandalo infinito

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Non si arresta lo scandalo dell'ossido di etilene scoperto in nuovi prodotti ritirati dal mercato. Stavolta ad essere contaminato è lo zenzero

Tradizioni da superare

Torniamo a parlare di prodotti contaminati da ossido di etilene, pesticida tossico e cancerogeno.  Uno scandalo che sembra non avere fine.

Era l’ottobre scorso quando per la prima volta vi abbiamo parlato del richiamo di alcuni prodotti a base di sesamo, contaminati appunto da questa pericolosa sostanza. Purtroppo ancora non si riesce a mettere fine a questa questione e ieri il ministero della Salute ha richiamato ulteriori prodotti, stavolta a base di zenzero.

L’ossido di etilene, pesticida pericoloso per la salute, ormai da mesi viene trovato in prodotti di diverso genere e del problema, a parte i dovuti e inevitabili richiami, sembra che nessuno si stia occupando seriamente.

Ad oggi sono centinaia i prodotti ritirati, trovate l’elenco completo sul sito del Ministero della Salute, e i richiami continuano.

Solo ieri, 31 marzo, sono stati aggiunti altri 11 prodotti. Si tratta in questo caso di barrette e altri dolciumi che contengono zenzero e per i quali il ministero segnala:

“CONTENUTO DI OSSIDO DI ETILENE DOVUTO ALLA PRESENZA DI ZENZERO SUPERIORE AI LIMITI DI LEGGE NEL LOTTO”

Il problema, quindi, come dimostrato da questo ultimo richiamo, non riguarda solo i semi di sesamo dato che l’ossido di etilene si può trovare anche in altri ingredienti.

Un allarme partito a febbraio dalla Francia che aveva segnalato la presenza di tracce del pesticida anche in curcuma, scalogno, semi di psillo, amaranto e altro.

In un precedente articolo, invece, vi avevamo parlato dell’indagine Ue che aveva svelato come questo pesticida tossico sia riuscito ad arrivare dall’India in Europa indisturbato.

Leggi anche: Sesamo contaminato dai pesticidi: ecco perché l’India ha abusato dell’ossido di etilene

I nuovi richiami

Il ministero della Salute ha segnalato nuovi richiami che riguardano alcune barrette e altri dolciumi in cui è appunto presente dello zenzero contaminato da ossido di etilene. Si tratta di alcuni lotti dei seguenti prodotti:

  • MAAMA – PROTEIN BAR ACAI E ZENZERO: lotto 201021. Data di scadenza o termine minimo di conservazione: 20/10/2021
  • MAAMA – BARRETTA BROWNIE ZENZERO E CIOCCOLATO FONDENTE EXTRA: lotti 130122 – 150122. Data di scadenza o termine minimo di conservazione rispettivamente 13/01/2022 e 15/01/2022.
  • VIVOO RE-EVOLUTION – GERMOGLIO – BARRETTA ENERGETICA ZENZERO & CURCUMA: lotti 110921 – 161121. Data di scadenza o termine minimo di conservazione rispettivamente 11/09/2021 e 16/11/2021.
  • VENTURA – BARRETTA BBMIX SPRINT:  Lotto 07 01 22 data di scadenza 07.01.2022; Lotto 07 09 21 data di scadenza 07.09.2021; Lotto 22 10 21 data di scadenza 22.10.2021
  • VIVOO RE-EVOLUTION – TONICA – BARRETTA ENERGETICA FONDENTE & ZENZERO: lotto 271021. Data di scadenza o termine minimo di conservazione: 27-10-2021
  • CAMPO MADRE – TONICA – BARRETTA ENERGETICA FONDENTE & ZENZERO: lotto 071021 Data di scadenza o termine minimo di conservazione: 07-10-2021
  • VIVOO RE-EVOLUTION – MIELOLO – NAPOLITAINS RIPIENI AL MIELE: lotto di produzione: 23SET2021. Data di scadenza o termine minimo di conservazione: 23-09-2021
  • CAMPO MADRE – ENERGY BITES VEGGY L’ARANCIONE: lotto 05OTT21. Data di scadenza o termine minimo di conservazione: 05-10-2021
  • MAAMA – ENERGY BITES BIOLOGICI VEGGY – L’ARANCIONE: lotti 05OTT21, 18DIC21, 12FEB22 con data di scadenza o termine minimo di conservazione rispettivamente: 5/10/2021, 18/12/2021, 12/02/2022
  • SCHALK MUELHE – PROTEIN RIEGEL LEIN SAMEN: lotti 250522 con data di scadenza o termine minimo di conservazione 25/05/2022 e 240822 – 24/08/2022.
  • SCHALK MUEHLE – PROTEIN RIEGEL SONNENBLUMEN KERN MIT GINGER: lotto 250522
  • Data di scadenza o termine minimo di conservazione: 25/05/2022

Ecco cosa riporta uno di questi richiami diramati dal ministero della Salute:

ossido etilene zenzero richiamo

@Ministero della Salute

Se avete acquistato uno dei prodotti sopraindicati, o altri presenti nell’elenco del Ministero, non consumateli ma riportateli immediatamente al punto vendita dove li avete acquistati.

Fonte: Ministero della Salute

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook