Listeria nel salame morbido: marca e lotto da non consumare per evitare intossicazioni alimentari

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Nuova allerta alimentare per rischio listeria. Questa volta il prodotto richiamato dal mercato è un lotto di salame morbido prodotto dall’azienda Sa.Mo

Proprio ieri vi dicevamo che, a livello internazionale, nell’ultimo trimestre di cui si hanno già i dati disponibili (luglio-settembre) si è registrato un aumento delle allerte alimentari, la maggior parte delle quali sono causate da listeria e salmonella. Leggi anche: Allerte alimentari: sempre più numerose a livello globale, sono causate da listeria e salmonella (ma non solo)

E chissà quali saranno i dati relativi ad ottobre, novembre e dicembre 2022, se consideriamo che quasi ogni giorno, il nostro ministero della Salute, segnala allerte alimentari per rischio microbiologico.

Ieri ne è “apparsa” una nuova che riguarda un salame morbido, contaminato proprio da listeria.

Si tratta di quello prodotto dall’azienda Sa.Mo. Srl nello stabilimento di località Terricoli, a Matelica (Macerata). Il marchio di identificazione che trovate sulla confezione è IT 9-1188L CE.

Il lotto di produzione da non consumare è il 27/10/2022 in quanto è stata rilevata nel prodotto la Listeria monocytogenes.

richiamo salame listeria

©Ministero della Salute

Se avete in casa questo prodotto, riportatelo immediatamente al punto vendita.

Leggi tutte le nostre allerte alimentari.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Ministero della Salute

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook