Cornflakes bio Lidl a rischio contaminazione da aflatossine: i lotti richiamati

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Se avete acquistato recentemente dei cornflakes bio a marchio Crownfieldl, fate attenzione ai lotti. Lidl li ha appena richiamanti per rischio presenza di aflatossine

Nuovo richiamo alimentare in Italia. A scopo precauzionale, Lidl ha da poco ritirato dai suoi supermercati alcuni lotti di cornflakes di mais provenienti da agricoltura biologica, venduti dal noto marchio Crownfield. Il motivo del ritiro, effettuato in attesa di chiarimento da parte delle autorità sanitarie, è legato alla possibile presenza di aflatossine, sostanze prodotte da alcuni microfunghi che possono svilupparsi su vegetali come cereali (in particolare mais) e che possono rivelarsi tossiche.

Come si legge sulla nota diffusa anche dal Ministero della Salute, i cornflakes richiamati si trovano sugli scaffali in confezioni da 375 grammi e sono prodotti da Nordgetreide GmbH Co. KG, nello stabilimento di Lübeck, Germania.

I lotti richiamati

Di seguito riportiamo i termini di conservazione dei lotti ritirati dai supermercati:

  • 29/05/2023
  • 30/05/2023
  • 04/06/2023

Per evitare problemi alla salute, il Ministero raccomanda di non consumare i lotti in questione e restituirli al più presto al punto vendita Lidl in cui sono stati acquistati.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Ministero della Salute 

Leggi tutti i nostri articoli su prodotti ritirati e allerte alimentari:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook