Allerta alimentare per il cioccolato (non solo Kinder), richiamato anche un uovo di Pasqua

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Oltre all'allerta per salmonella in alcuni prodotti Kinder, il ministero della Salute ha diramato nei giorni scorsi un richiamo relativo ad un altro tipo di cioccolata. Si tratta di un uovo di Pasqua vegan, segnalato per rischio presenza di allergeni

La ricetta del porridge senza cottura

Si continua a parlare di cioccolato, dopo l’allerta che ha riguardato diversi prodotti Kinder contaminati da salmonella, tutti realizzati nello stabilimento Ferrero di Arlon in Belgio, attualmente chiuso in attesa delle indagini che faranno chiarezza su quanto accaduto.

Gli ultimi richiami Kinder in Italia risalgono a pochi giorni fa, quando il Ministero della Salute ha pubblicato l’allerta riguardo a:

  • Peluche coniglio Mini Max contenente Kinder Schoko Bons (peso 46g), tutti i lotti, prodotti nello stabilimento Ferrero di Arlon (Belgio); marchio di identificazione dello stabilimento 03;Z
  • Kinder Happy Moments (peso 162gr), lotti L326RGF e L347RGF; marchio di identificazione dello stabilimento IT 0445 31 60 618

Leggi anche: Kinder e salmonella, anche oggi ci sono altri due prodotti Ferrero richiamati: la lista sul sito del Ministero

Richiamato anche un uovo di Pasqua

Ma anche altro cioccolato è stato richiamato, non si tratta però di Kinder e l’allerta non riguarda la salmonella.

Si tratta stavolta di un uovo di Pasqua. Parliamo del Loving – Uovo di Pasqua vegan senza lattosio, richiamato per rischio presenza di allergeni.

uova di pasqua ritiro allergeni

©Ministero della Salute

Queste uova prodotte da GMF F.lli Oliviero srl a Monteforte Irpino (Avellino) sono espressamente dichiarate senza lattosio e questa caratteristica è particolarmente importante per le persone allergiche o intolleranti alle proteine del latte.

Quelle che fanno parte del lotto L22 035, però, rischiano di contenere allergeni e per questo sono state ritirate dal mercato anche se con un certo ritardo (il documento pubblicato sul sito del ministero è del 22 aprile, già dopo Pasqua).

Il ministero invita a riportare il prodotto dove è stato acquistato. Se non si è allergici, ovviamente, consumare queste uova non presenta  alcun rischio.

Seguici su Telegram Instagram Facebook TikTok Youtube

Fonte: Ministero della Salute

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook