Se sei allergico ai pollini delle graminacee, dovresti fare attenzione a mangiare anche a questi 10 frutti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Se soffri di allergia alle graminacee, ci sono alcuni frutti che potrebbero peggiorare ulteriormente le reazioni allergiche. Scopriamo quali.

Integratori 100% naturali

Sapevi già che alcune allergie ai pollini possono essere aggravate a causa di alcuni alimenti? Si tratta delle cosiddette allergie crociate, reazioni allergiche scatenate da cause apparentemente non correlate fra di loro, in particolare tra il polline e gli alimenti di origine vegetale. La causa è una risposta immunitaria nei confronti di proteine simili fra loro.

Leggi anche: La stagione delle allergie ai pollini inizia sempre prima (e andrà anche peggio)

I cibi sconsigliati variano a seconda delle allergie ma sono da valutare caso per caso, dato che non sempre le allergie crociate si attivano con tutti gli alimenti. In paricolare, per chi soffre di allergia alle graminacee i frutti da evitare sono:

  1. melone,
  2. pomodoro,
  3. anguria,
  4. arancia (agrumi),
  5. kiwi,
  6. albicocca,
  7. ciliegia,
  8. pesca,
  9. mandorla,
  10. prugna,

Inoltre bisognerebbe stare attenti a consumare anche il grano e il mais che non sono propriamente frutti, ma cereali e che possono comunque sviluppare episodi di allergia incrociata.

Le allergie sono causate da una risposta eccessiva del sistema immunitario nei confronti di sostanze generalmente non pericolose per l’organismo. A scatenare questa risposta sono le proteine presenti nella sostanza cui si è allergici. Nel caso delle allergie crociate, questi frammenti sono presenti in proteine di origine diversa, ad esempio di un polline e di un frutto. Può capitare così che chi è allergico a un polline lo sia anche a un cibo. Con l’assunzione di alcuni frutti, quindi, possono presentarsi problemi come pruriti, tumefazioni e comparsa di vesciche nella bocca.

Come possiamo evitare le allergie crociate? Se sei allergico ai pollini, informati su quali alimenti potrebbero presentare un rischio ed evita di consumarli nel periodo in cui il polline è più presente nell’ambiente. Il vaccino antiallergico e la cottura dei cibi potrebbero ridurre l’allergenicità di quei frutti.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonti: NCBIAmerican Academy of Allergy, Asthma & Immunology

Ti potrebbero interessare anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureando di Organizzazione e marketing per la comunicazione d'impresa all'Università La Sapienza, appassionato del web e delle dinamiche del mondo digitale.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook