Omega 3: scoperto nuovo effetto collaterale (benefico) sui tuoi reni di assumere cibi ricchi di acidi grassi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una recente ricerca ha trovato delle connessioni tra consumo di cibi ricchi di omega 3 e un minor rischio di sviluppare problemi cronici ai reni

La malattia renale cronica (CKD) colpisce circa 700 milioni di persone in tutto il mondo e può portare a insufficienza renale e morte, di conseguenza è necessario identificare i fattori che potrebbero prevenirne l’insorgenza e la progressione.

A tal proposito un recente studio pubblicato su BMJ ha rivelato che livelli più elevati di acidi grassi omega 3 assunti nella dieta sono associati a un rischio moderatamente inferiore di malattia renale cronica, e a un declino più lento della funzionalità renale.

Leggi anche: Omega 3, scoperto nuovo sorprendente effetto sul cervello di consumare cibi ricchi di acidi grassi (soprattutto se hai più di 45 anni)

Lo studio

Gli studi suggeriscono che gli acidi grassi polinsaturi omega 3 (n-3 PUFA) possono avere effetti benefici sulla funzione renale, ma le prove sono limitate e si basano principalmente su questionari dietetici, che possono essere soggetti a errori.

Per esplorare ulteriormente questo aspetto, un team internazionale guidato da ricercatori del George Institute for Global Health e dell’Università del New South Wales, ha riunito i risultati di 19 studi provenienti da 12 paesi esaminando i collegamenti tra i livelli di biomarcatori PUFA n-3 e lo sviluppo di CKD negli adulti.

I biomarcatori includevano acido eicosapentaenoico (EPA), acido docosaesaenoico (DHA), acido docosapentaenoico (DPA) e acido alfa linolenico (ALA). Le principali fonti alimentari di EPA, DHA e DPA provengono dai frutti di mare, mentre l’ALA si trova principalmente nelle piante (noci, semi e verdure a foglia verde).

Complessivamente, nell’analisi principale sono stati inclusi 25.570 partecipanti. La loro età media variava da 49 a 77 anni.

Dopo aver tenuto conto di una serie di altri fattori tra cui età, sesso, razza, indice di massa corporea, fumo, assunzione di alcol, attività fisica, malattie cardiache e diabete, livelli più elevati di PUFA n-3 dei frutti di mare totali sono stati associati a un minor rischio di sviluppare CKD.

Questi sono risultati osservativi e i ricercatori riconoscono che le differenze nella progettazione e nei metodi dello studio potrebbero aver influenzato i loro risultati.

Sebbene i nostri risultati non dimostrino una relazione causale tra i PUFA n-3 dei frutti di mare e il rischio di CKD, sono di supporto e coerenti con le attuali linee guida. Nonostante ciò sono necessari ulteriori studi controllati randomizzati per valutare il potenziale ruolo benefico dei PUFA n-3 dei frutti di mare nella prevenzione e nella gestione della malattia renale cronica.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube 

Fonte: BMJ

Ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook