taralli

I taralli, o tarallini, sono una preparazione tipica della Puglia. Le versioni più popolari dei taralli sono salate e vengono insaporite con i semi di finocchio o con il peperoncino. Potrete sperimentare la preparazione casalinga dei taralli utilizzando il lievito madre, così da ottenere una lievitazione del tutto naturale, come si faceva una volta.

Ecco la ricetta dei taralli con la pasta madre.

Con gli ingredienti indicati otterrete circa 100 taralli.

Ingredienti

  • 120 gr di pasta madre solida
  • 100 gr di farina 0
  • 75 ml d'acqua
  • 100 gr di semola di grano duro
  • 350 gr di farina 0
  • 200 ml d'acqua
  • 50 ml di olio extravergine
  • 25 ml di vino bianco
  • 1 cucchiaio di semi di finocchio
  • 1 pizzico di sale fino integrale
  • Pasta madre rinfrescata
  • Tempo Preparazione:

  • Tempo Cottura:
    50 minuti
  • Tempo Riposo:
    12 ore di lievitazione
  • Dosi:
    per 100 taralli
  • Difficolta:
    media

Taralli: rinfresco pasta madre

Per rinfrescare la pasta madre, spezzettatela e amalgamatela con l'acqua in una ciotola capiente. Versate a poco a poco la farina e impastate fino a quando il lievito madre tornerà della consistenza iniziale. Dividete in due parti uguali e riponetene una nel barattolo per la conservazione in frigorifero. Coprite la ciotola con un telo e lasciate riposare per 1 ora la pasta madre da utilizzare per l'impasto.

Taralli: impasto

Nella ciotola con la pasta madre rinfrescata versate la semola di grano duro, l'olio extravergine e il vino bianco. Iniziate ad impastare e aggiungete a poco a poco l'acqua e la farina. Unite anche un pizzico di sale e un cucchiaio di semi di finocchio. Lavorate l'impasto a mano con energia in modo che risulti elastico. Se occorre, durante la lavorazione aggiungete ancora un po' d'acqua o di farina. Se volete, potete sostituire i semi di finocchio con il peperoncino.

taralli 1

Lievitazione

Dopo aver impastato, formate la classica palla. Riponetela nella ciotola, che coprirete con un telo di cotone leggermente inumidito. Posizionate la ciotola al riparo da correnti d'aria e da sbalzi di temperatura. Lasciate lievitare l'impasto fino al raddoppio, anche per tutto il giorno o per tutta la notte.

taralli 2

Preparazione

Dopo la lievitazione, lavorate brevemente l'impasto sulla spianatoia. Staccatene un pezzetto alla volta e formate dei serpentelli di circa 5 o 6 cm di lunghezza, con spessore di poco più di ½ cm. Chiudeteli ad anello sovrapponendo le estremità e premete bene per dare forma ai vostri taralli.

taralli 3

taralli 4

taralli 5

Cottura

Portate ad ebollizione una pentola d'acqua e lessate brevemente i taralli. Prelevateli con la schiumarola non appena verranno a galla e posizionateli su una griglia. Rivestite due o tre teglie con la carta da forno e disponete i taralli già scolati. Cuoceteli in forno preriscaldato a 175° C per circa 30 minuti, fino a doratura. Lasciate raffreddare i taralli prima di servirli. Li potrete conservare per qualche giorno in un contenitore di vetro o in un sacchetto di carta.

taralli 6

taralli 8

Buon appetito!

Marta Albè
(Testi e foto)

Leggi anche:

Pretzel: la ricetta vegan con pasta madre

 

forest bathing sm

Trentino

I migliori itinerari da fare a piedi o in bici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
banner orto giardino
whatsapp
seguici su instagram