Cavolo rosso: coltivazione e benefici per la salute

cavolo rosso

Il cavolo rosso, o cavolo cappuccio rosso, è un ortaggio della famiglia delle Crucifere. E’ ricco di vitamine e sali minerali. Il suo consumo è considerato utile per salvaguardare la salute del cuore. La vitamina C e il beta-carotene presenti nel cavolo rosso risultano benefici per proteggere le coronarie. Potrete coltivare il cavolo rosso a partire dai semi o grazie all’acquisto di piantine da trapiantare.


Coltivare il cavolo rosso

Scegliete un luogo soleggiato per coltivare il cavolo rosso. Evitate terreni che si asciugano rapidamente, ma anche che tendono a trattenere troppa acqua. Di solito la semina del cavolo rosso avviene tra febbraio ed aprile, per permettere il trapianto degli ortaggi tra aprile e luglio. Il periodo del raccolto va da agosto a settembre.

Si consiglia di effettuare il trapianto del cavolo rosso prima dell’arrivo delle giornate estive più calde. Procedete al trapianto quando l’ortaggio avrà circa 6 settimane e avrà sviluppato almeno 6 foglie. Annaffiate abbondantemente il terreno attorno alle piantine il giorno prima di trapiantarle. Lasciate almeno 30 cm di distanza tra le file di cavoli. Create delle buche abbastanza profonde per il trapianto e procedete con delicatezza, per non rovinare le radici. Innaffiate subito dopo.

Con l’arrivo del freddo, ricoprite la base dei cavoli con del terriccio, che servirà da protezione. Tutti i tipi di cavolo possono essere soggetti agli attacchi della farfalla cavolaia. Per evitare problemi, è bene eliminare manualmente le uova non appena si nota la loro presenza sulle foglie. Nei casi più gravi, è possibile ricorrere a preparati specifici ammessi in agricoltura biologica. Potrete raccogliere il cavolo rosso in qualsiasi momento, una volta che l’ortaggio avrà completato il proprio sviluppo.

cavolo rosso ricette

Benefici per la salute

Il cavolo rosso è ricco di vitamine, tra cui troviamo la vitamina C, che stimola il sistema immunitario e favorisce la produzione di globuli bianchi. Contiene inoltre vitamina A, preziosa per la salute degli occhi e per la vista. La vitamina K protegge dal rischio di sviluppare l’osteoporosi.

Il gusto amaro del cavolo rosso e dei cavoli in generale è dovuto alla presenza di particolari composti che aiutano a ridurre l’infiammazione e a contrastare i batteri. Il pigmento rosso è dato da un flavonoide, la cianidina, che svolge la funzione di antiossidante. Si tratta di una sostanza considerata in grado di proteggere l’organismo dai tumori.

Infine, il cavolo rosso contiene sali minerali come calcio, ferro e potassio, essenziali per il corretto funzionamento del nostro organismo. È ricco di fibre vegetali che favoriscono la digestione. Potrete gustare il cavolo rosso sia cotto che crudo. È ottimo in insalata, accompagnato da noci e chicchi di melograno, e condito con olio extravergine e succo d’arancia o di limone.

Marta Albè

Fonte foto: sfgate.com

Leggi anche: 10 ortaggi da coltivare in inverno

Segui Radici su Twitter e Facebook.

Coop

Arrivano nel reparto ortofrutta i meloni senza glifosato

Yves Rocher

Candidati al premio Terre de Femmes della Fondazione Yves Rocher. Trovi tutte le info qui!

dobbiaco

corsi pagamento

seguici su facebook