Per la prima volta nella storia, la Svizzera rompe con la sua neutralità: sanzioni contro la Russia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Svolta storica per la Svizzera: dopo secoli di neutralità ha deciso di adottare le sanzioni contro la Russia, annunciando: "Fare il gioco degli aggressori non è compatibile con la neutralità"

La Svizzera è da sempre nota per la sua storica neutralità nei conflitti. Ma per la guerra in Ucraina non è rimasta a guardare. Ha deciso di fare un’eccezione, prendendo posizione e adottando sanzioni contro la Russia.

A stabilirlo ieri il Consiglio federale che ha accettato di allinearsi all’Unione europea, che tra il 23 e il 25 febbraio ha varato un pacchetto di pesanti sanzioni contro Putin, che sta portando avanti una guerra folle e sanguinaria in Ucraina, minacciando anche il ricorso alle armi nucleari.

La difesa della pace e della sicurezza, così come il rispetto del diritto internazionale, sono valori ai quali la Svizzera in quanto democrazia aderisce e che condivide con i suoi vicini europei. – ha annunciato l’esecutivo – Il nostro Paese continuerà ad esaminare ogni ulteriore pacchetto di misure dell’UE.

L’Europa si sta mostrando compatta nel condannare l’invasione da parte di Mosca e adesso anche la Svizzera non vuole più restare in silenzio. “Fare il gioco dell’aggressore non è compatibile con la nostra neutralità” ha dichiarato ieri il Presidente della Confederazione Svizzera Ignazio Cassis.

Con la decisione storica di ieri vengono immediatamente congelati i beni di persone e società legate a Putin. Inoltre, l’esecutivo della Svizzera ha sospeso parzialmente l’accordo del 2009 sulla facilitazione del rilascio del visto per i russi e ha chiuso lo spazio aereo per tutti i voli provenienti dalla Russia (ad eccezione di quelli a scopo umanitario, medico o diplomatico).

Il Consiglio federale ha altresì emanato un divieto di entrata nei confronti di diverse persone che hanno relazioni con la Svizzera e sono vicine al presidente Putin. – si legge nel comunicato rilasciato dall’esecutivo – In virtù della Costituzione federale (art. 184 cpv. 3 e art. 185) il Consiglio federale può adottare misure a tutela degli interessi del Paese nonché della sicurezza esterna, dell’indipendenza e della neutralità della Svizzera.

Infine, la Svizzera scende in campo per sostenere la popolazione ucraina in questo momento drammatico. Nei prossimi giorni il Paese invierà 25 tonnellate di medicine, cibo e beni di prima necessità destinati ai cittadini dell’Ucraina e dei Paesi confinanti, come la Polonia, in cui si stanno rifugiando migliaia di persone in fuga.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: Consiglio federale Svizzera

Ti consigliamo anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook