Dopo alcuni casi di malori sospetti, evacuato uno dei più longevi parchi acquatici di Londra

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Registrati una cinquantina di casi sospetti fra i visitatori di Waterworld, che hanno accusato irritazioni, pruriti, nausea e tosse

Il bilancio è drammatico: 46 visitatori del parco acquatico Waterworld, uno dei più antichi e importanti di Londra, sono stati soccorsi dai paramedici dopo aver accusato sintomi quali nausea, rush cutanei, tosse, irritazione agli occhi e alla gola; due di questi, un uomo e una donna, sono stati ricoverati in ospedale per accertamenti.

In conseguenza di questi malesseri, l’intero parco acquatico è stato evacuato e 110 persone sono state allontanate dalla struttura. Sul posto sono intervenuti prontamente i sanitari a bordo di una decina di ambulanze che hanno affollato il parcheggio dell’attrazione.

Quello che doveva essere un giorno di divertimento e svago si è trasformato in un incubo (per fortuna finito bene) per i visitatori del parco acquatico, e non si sa ancora bene perché: la dinamica dell’incidente, infatti, non è ancora chiara – mentre gli amministratori di Waterworld minimizzano e parlano di una “reazione esagerata da parte dei visitatori”.

Sembrerebbe che alla base dell’intossicazione di massa ci siano stati livelli di cloro nell’acqua delle piscine ben oltre la norma consentita, e questo avrebbe provocato i sintomi accusati dai visitatori. Alcune delle persone presenti nel parco hanno denunciato un odore di cloro così forte e penetrante da provocare quasi il vomito.

Subito dopo aver concluso le operazioni di soccorso dei visitatori intossicati e di evacuazione, le autorità locali sono entrate nei locali del parco per effettuare controlli sulla salubrità dell’aria e dell’acqua presenti. I test effettuati finora non hanno evidenziato la presenza di sostanze nocive nei campioni d’acqua analizzati, ma il centro è rimasto chiuso oggi per precauzione e per permettere ulteriori controlli.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook TikTok Youtube

Fonte: BBC

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook