Il vaccino anti Covid può dare problemi al ciclo mestruale? L’Ema inizia uno studio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Vaccini anti Covid-19 a mRNA e ciclo mestruale: le segnalazioni di disturbi a seguito dell'immunizzazione aumentano. L'Ema riprende in considerazione i dati e inizia una nuova valutazione

L’Ema valuterà se c’è davvero un nesso tra i vaccini antiCovid a mRNA (Pfizer, Moderna) e alcune irregolarità del ciclo mestruale, analizzando i diversi casi segnalati nei mesi scorsi. Lo annuncia l’Agenzia stessa in un comunicato ufficiale.

Il Pharmacovigilance Risk Assessment Committee (PRAC) dell’Ema sta ora esaminando casi di irregolarità del ciclo con vaccini mRNA Covid-19, sia di sanguinamento mestruale pesante (mestruazioni abbondanti) che quelli di assenza di mestruazioni (amenorrea), con i vaccini Covid-19 Comirnaty (di Pfizer) e Spikevax (di Moderna).

Il comitato aveva già analizzato in precedenza segnalazioni di disturbi mestruali (mestruali) nel contesto dei rapporti di sintesi sulla sicurezza per i vaccini Covid-19 approvati nell’UE, ma finora aveva sempre concluso come le prove fossero insufficienti per ipotizzare un nesso causale tra l’immunizzazione da vaccino e le irregolarità del ciclo.

Ma le segnalazioni spontanee sono aumentate e quindi l’Ema, nell’ambito delle attività di farmacovigilanza, ha deciso di rivalutare nuovamente questa possibile correlazione, prendendo in considerazione anche ulteriori dati di letteratura e di sperimentazioni cliniche.

Leggi anche: Covid-19: arrivano gli indennizzi per gli eventuali danni da vaccino

I disturbi mestruali sono comunque davvero molto comuni e possono verificarsi con un’ampia gamma di condizioni mediche di base, nonché da stress e stanchezza. Inoltre casi di queste irregolarità sono state segnalate anche in seguito all’infezione da SARS-CoV-2, virus responsabile della malattia Covid-19.

In questa fase, non è ancora chiaro se esista un nesso causale tra i vaccini Covid-19 e le segnalazioni – precisa l’Ema – Inoltre, non ci sono prove che suggeriscano che i vaccini Covid-19 influiscano sulla fertilità

L’Agenzia diffonderà ulteriori comunicati quando saranno disponibili altre informazioni.

Fonte: Ema

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.

Iscriviti alla newsletter settimanale

Riceverai via mail le notizie su sostenibilità, alimentazione e benessere naturale, green living e turismo sostenibile dalla testata online più letta in Italia su questi temi.

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook